Quale nucleo familiare bisogna indicare per l'Isee socio sanitario?

Può un figlio rifiutare di presentare l'Isee socio sanitario residenza (per motivi personali seri) richiesto per il contributo in struttura residenziale di un genitore, quando quest'ultimo e un fratello l'hanno di fatto escluso per anni dalla loro vita, elargendo denaro e favori solo a un figlio, e trovandosi ora in difficoltà economiche contattano il figlio escluso solo ora che ne trarrebbero beneficio?

E inoltre, cosa significa che i Servizi Sociali o l'Autorità Giudiziaria possono dichiarare che il figlio è estraneo sia in termini affettivi che economici? Cosa bisogna fare perché questo avvenga?

Per le sole prestazioni erogate in ambiente residenziale a ciclo continuativo (RSSA, RSA, residenze protette) si applicano regole di calcolo diverse per la determinazione dell'ISEE.

Nel calcolo dell'indicatore reddituale, in particolare, si tiene conto della condizione economica anche dei figli del beneficiario non inclusi nel nucleo familiare, integrando l'ISEE di una componente aggiuntiva per ciascun figlio, calcolata sulla base della situazione economica dei figli medesimi, avuto riguardo alle necessità del nucleo familiare di appartenenza.

Ora, un figlio può benissimo rifiutarsi di fornire le informazioni necessarie (numero di protocollo della propria DSU/ISEE) oppure omettere di presentare la propria DSU/ISEE (il cui numero di protocollo deve essere referenziato nella Dichiarazione Sostitutiva Unica sottoscritta dal genitore interessato a fruire delle prestazioni erogate presso una Residenza Socio Sanitaria Assistenziale) nel qual caso il genitore, anche avendo diritto al beneficio, sarà costretto a pagare la retta piena.

La componente non viene calcolata (e le relative informazioni non devono essere inserite nel modello) quando sia stata accertata una condizione di disabilità per il figlio o per un componente del suo nucleo familiare ovvero quando sia stata accertata l'estraneità del figlio stesso rispetto al genitore in termini di rapporti affettivi ed economici.

Per ottenere l'accertamento (che comporta comunque ritardi notevoli nei tempi di ricovero del genitore presso la RSSA) è necessario rivolgersi ai Servizi Sociali del Comune in cui risiede il soggetto che deve fruire della prestazione, e presentare istanza diretta ad accertare l'estraneità del figlio, in termini di rapporti affettivi ed economici, verso i genitori. E' sufficiente, di solito, per presentare l'istanza e avviare la procedura, una apposita dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, corredata dallo stato di famiglia.

Solo a seguito dell'istruttoria condotta dall'assistente sociale, anche con l'eventuale ausilio della polizia municipale, e previa relazione scritta, il dirigente del settore certificherà l'eventuale stato di estraneità in termini di rapporti affettivi ed economici fra padre e quel figlio.

Completata questa procedura, non sarà più necessario inserire il numero di protocollo della DSU ISEE afferente quel figlio nel Quadro E della DSU/ISEE del genitore che richiede la prestazione socio-sanitaria di ricovero in struttura residenziale a ciclo continuativo.

26 maggio 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ISEE
isee socio sanitario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni socio sanitarie - Il nucleo familiare ristretto
Le prestazioni sociosanitarie, ai sensi della definizione adottata a fini ISEE, sono identificate come le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria. Si tratta di prestazioni rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di ...
Nulla la cartella esattoriale per prestazioni socio sanitarie erogate al disabile determinate sulla base del reddito dell'intero nucleo familiare, e non del solo assistito
La questione nasce dalla notifica effettuata da Equitalia Esatri di una cartella esattoriale intestata al padre quale contributo al pagamento delle rette concernenti il servizio di refezione praticato nei confronti del figlio disabile, del quale l'opponente è anche amministratore di sostegno. Va osservato che, in relazione alla determinazione della contribuzione ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni erogate in ambito residenziale (RSA, RSSA, e residenze protette)
Per la richiesta di prestazioni erogate in ambito residenziale a ciclo continuativo (ad esempio, ricovero presso residenze socio-assistenziali – RSSA, RSA, residenze protette, ecc.) da parte di persone maggiorenni, così come per le altre prestazioni socio-sanitarie, si può scegliere di dichiarare il nucleo familiare ristretto (coniuge e figli). Ferma restando ...
Nucleo familiare fiscale, nucleo familiare ISEE, nucleo familiare ISEEU e nucleo per gli assegni familiari
In principio era la “famiglia anagrafica”, quella che si rileva dallo storico "stato di famiglia" che, almeno una volta, chiunque di noi ha chiesto agli uffici dell'anagrafe comunale. Poi fu introdotto il nucleo familiare ISEE, come strumento di valutazione - nelle speranze del legislatore, oggettivo ed equo - finalizzato a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca