Ricovero in RSA - serve anche l'ISEE dei figli non conviventi?

Mia suocera disabile deve essere ricoverata in struttura residenziale lunga degenza (RSA). Uno dei figli, dipendente pubblico vorrebbe chiedere il contributo Inps denominato Long care Premium riservato a dipendenti pubblici e loro familiari. La domanda che vorrei fare è: possibile che per tale richiesta (tra l'altro la domanda scade il 4 maggio prossimo) debbano tutti i figli indicare il loro isee pur non essendo figli conviventi e non a carico, e avendo ognuno una propria famiglia indipendente dai genitori? Non sarebbe più corretto che l'unico isee di riferimento fosse quello dei miei suoceri? Tale pretesa è stata avanzata da uno dei figli dicendoci che gli era stato richiesto dall'Assistente Sociale, ma io ho provato a informarmi ma non ho trovato riscontro. Chiedo quindi a Voi delucidazioni in merito.

Per l'accesso alle prestazioni erogate in ambito residenziale a ciclo continuativo (ad esempio, ricovero presso residenze socio-assistenziali – RSSA, RSA, residenze protette, ecc.) da parte di persone maggiorenni, così come per le altre prestazioni socio-sanitarie, si tiene conto della condizione economica anche dei figli del beneficiario non inclusi nel nucleo familiare, integrando l'ISEE di una componente aggiuntiva per ciascun figlio. Tale previsione consente, in particolare, di differenziare la condizione economica dell'anziano non autosufficiente che ha figli che possono aiutarlo da quella di chi non ha alcun aiuto per fronteggiare le spese per il ricovero in struttura.

Pertanto, per ciascuno dei figli non compresi nel nucleo familiare del richiedente la prestazione, con lui non conviventi e non fiscalmente a carico, verrà calcolata una componente aggiuntiva da sommare all'ISEE del beneficiario della prestazione.

La componente aggiuntiva non viene calcolata solo quando per un figlio (o per un componente del suo nucleo familiare) è stata accertata la condizione di disabilità media, grave o di non autosufficienza; oppure quando sia stata accertata dalle amministrazioni competenti (autorità giudiziaria, servizi sociali) l'estraneità di tali figli in termini di rapporti affettivi ed economici rispetto al beneficiario della prestazione.

27 aprile 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

isee nucleo familiare
redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Affidamento condiviso figli - inidoneità del padre che non paga il mantenimento.
E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione con sentenza numero 26587 del 17 dicembre 2009. In particolare la Suprema Corte ha respinto il ricorso di un padre che si opponeva all'affidamento esclusivo dei figli alla ex moglie, pur non avendo mai versato loro l'assegno di mantenimento. La Cassazione ha motivato ...
La carta famiglia per nuclei familiari con almeno tre figli minori
Come previsto dalla legge di stabilità 2016, è istituita la carta della famiglia, destinata alle famiglie costituite da cittadini italiani o da cittadini stranieri regolarmente residenti nel territorio italiano, con almeno tre figli minori a carico. La carta è rilasciata alle famiglie che ne facciano richiesta, previo pagamento degli interi ...
Coniugi separati in casa - per essere ammessi al gratuito patrocinio i redditi non vanno sommati
Come molti sanno, per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.369,24. Se l'interessato ad essere ammesso al gratuito patrocinio convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito ...
Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni socio sanitarie - Il nucleo familiare ristretto
Le prestazioni sociosanitarie, ai sensi della definizione adottata a fini ISEE, sono identificate come le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria. Si tratta di prestazioni rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca