Coinquilini comproprietari dell’unità abitativa – Il Comune si rifiuta di formare famiglie anagrafiche separate

Coinquilino A e coinquilino B hanno acquistato un immobile di cui sono proprietari ognuno del 50%: entrambi hanno la residenza in tale immobile, ma non hanno vincoli di parentela né di affetto. Hanno chiesto al comune di residenza di fare nucleo anagrafico separato per poter fare l’ isee separato ed il comune si rifiuta. Per quale motivo? Cosa possono fare?

In effetti è difficile affermare estraneità fra due soggetti che acquistano casa in comproprietà: e se l’ufficiale d’anagrafe si rifiuta di formare una scheda anagrafica distinta per ciascuno dei due soggetti, c’è ben poco da fare.

L’articolo 4 del regolamento anagrafico della popolazione residente (Decreto del Presidente della Repubblica 223/1989) stabilisce che, agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, di unione civile, di parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune.

Ora, il vincolo affettivo fra due estranei non deve essere inteso esclusivamente basato su un rapporto di coppia (etero o omosessuale che sia), ma può derivare anche da un rapporto di amicizia o da una comunanza di interessi (come nella fattispecie): per cui, a fronte della dichiarazione di assenza di vincoli affettivi resa da entrambi gli interessati, l’ufficiale d’anagrafe può opporre la prova documentale della comproprietà dell’immobile in cui si stabilisce la nuova famiglia anagrafica e decidere, in autonomia, di registrare i due istanti in un’unica scheda.

14 Maggio 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Due famiglie anagrafiche conviventi nella medesima unità abitativa - Nuclei familiari e reddito di cittadinanza
Il mio nucleo familiare e stato di famiglia è composto solo dalla scrivente e da mio figlio minorenne: sono divorziata da oltre un anno e residente con mio figlio in un alloggio comunale ed ho già avuto dall'INPS il mio relativo ISEE / 2019. La domanda è questa, assieme a me convive un altro uomo, nel caso prendesse la residenza nel mio stesso appartamento, questo soggetto è considerato "nucleo familiare" a sé stante e potrebbe avere un suo ISEE allo scopo di ottenere un suo reddito di cittadinanza? ...

Nucleo familiare di una coppia di conviventi con figlio comune ma registrati in famiglie anagrafiche diverse
Sono legalmente separato con atto giudiziale e ho una nuova compagna con la quale ho avuto un figlio: il bambino è stato da me riconosciuto ed è fiscalmente a mio carico essendo la mia compagna disoccupata. Quando il bambino aveva circa 6 mesi, mi sono trasferito in appartamento con loro (quindi stesso indirizzo di residenza) indicando nella domanda il trasferimento con carattere di ospitalità. Nello stesso appartamento vive anche la madre della mia compagna. Da chi è composto il mio nucleo familiare ai fini ISEE? Nel caso in cui la mia compagna non rientri nel mio nucleo familiare, da chi ...

Coinquilini con prole
Da circa tre anni condivido la mia abitazione con un coinquilino: a settembre è nata mia figlia ed il mio coinquilino l'ha riconosciuta in quanto padre naturale. L'ufficio anagrafe del nostro comune ci ha convocato dicendoci che essendoci un presunto rapporto affettivo fra noi, poichè genitori dello stesso figlio, dovremmo costituire un unico nucleo famigliare con conseguente modifica del nostro reddito in quanto si accumulerebbe. Abbiamo proposto una dichiarazione congiunta in cui sosteniamo che fra noi non esiste un legame affettivo ma ci è stato detto che esiste un regolamento nazionale che non ci permette di mantenere il nostro status. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Coinquilini comproprietari dell’unità abitativa – Il Comune si rifiuta di formare famiglie anagrafiche separate