Mancata frequenza ai corsi di istruzione secondaria – Ritiro o iscrizione

Argomenti correlati:

Mio figlio, 18 anni compiuti, ha deciso di non iniziare il quarto anno superiore e non c’è stato verso di fargli cambiare idea, anche perchè il terzo anno è andato bene solo grazie al decreto e quest’anno sarebbe partito con ben quattro materie da recuperare.

Stamani mi chiama la segreteria della scuola e mi dicono, in modo al quanto alterato, quasi scocciati e arrabbiati, che non funziona così e che il ragazzo deve andare li e fare una domanda di rinuncia oppure l’iscrizione (che per loro sono 150 euro).

E’ vero questa cosa? e se non va che succede?

La segreteria della scuola ha perfettamente ragione: lo studente con più di sedici anni di età è tenuto a presentare domanda di ritiro, qualora decida di non frequentare il corso di studi, oppure deve procedere all’iscrizione (con l’obbligo di corrispondere le relative tasse).

Se il ragazzo è maggiorenne e non procede alla rinuncia, può darsi che in futuro gli arriveranno richieste di pagamento per la mancata iscrizione per un periodo massimo di tre anni, decorsi i quali il ritiro viene decretato d’ufficio.

24 Ottobre 2020 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Istruzione - Diritto dovere all'istruzione e alla formazione
In Italia esiste il diritto dovere all'istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell'obbligo è strutturata in due cicli di studio: il primo è costituito dalla scuola primaria, e dalla scuola secondaria di primo grado. Il secondo ciclo, comprende il sistema dei licei e quello dell'istruzione e della formazione professionale. Tutti i percorsi del secondo ciclo permettono di accedere all'Università. ...

Pensioni - Riscatto agevolato dei contributi previdenziali relativi a periodi lavorativi non coperti da contribuzione o correlati alla frequenza di corsi universitari
La facoltà di riscatto dei contributi previdenziali relativi a periodi lavorativi non coperti o correlati alla frequenza di corsi universitari, introdotta dall'articolo 20 del decreto legge 4/2019, è riconosciuta in favore degli iscritti all'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti, nonché alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, e alla gestione separata, privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e non già titolari di pensione. Condizione per l'esercizio della facoltà di riscatto è quindi l'iscrizione dell'interessato in uno dei regimi previdenziali sopra indicati; condizione che si intende verificata in presenza di almeno un contributo ...

Dichiarazione dei redditi – precisazioni ADE su detrazione canoni di locazione studenti e corsi di istruzione
E' possibile fruire della detrazione d'imposta anche per spese relative a "canoni relativi a contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto dello studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative"… Con questa nuova formulazione dell'articolo15, comma 1, lettera i-sexies, che non rende vincolante la detrazione alla stipula di contratti ai sensi delle legge 431 del 1998, si chiede se sia possibile usufruire della detrazione anche se tali spese sono state sostenute all'estero. L'articolo 15, comma 1, lettera i-sexies del Tuir prevede una detrazione d'imposta ...

Dove mi trovo?