Invalidità e indennità di accompagnamento

A seguito di visita medica presso ASL, la Commissione medica ha accertato che la patologia di cui soffriva il paziente ultra 65enne era "cardiopatia ischemica infartuale in instabilità clinica. Deficit selettivo di memoria". Inoltre, nell'anamnesi era dichiarato "Demenza di Alzheimer, diabete mellito, protesi ginocchio" In conclusione, il paziente è stato dichiarato "Invalido con totale e permanente inabilità lavorativa al 100% (articoli 2 e 12 della legge 118/71). Da ciò, si può rilevare che il paziente sia invalido civile non solo in senso fisico ma anche per le affezioni di tipo psichico e/o intellettive? (art. 1 legge 509/1988).

Come sappiamo, l'anamnesi, in medicina, è la raccolta dalla voce diretta del paziente e/o dei suoi familiari, di tutte quelle informazioni che possono aiutare il medico a indirizzarsi verso una corretta diagnosi della patologia da cui è affetto il paziente. Si tratta, tuttavia, di affermazioni di parte (demenza presenile di Alzheimer).

Peraltro, un deficit selettivo della memoria (amnesia selettiva) lascia intatte le abilità motorie e percettive, e l'apprendimento non associativo. I pazienti affetti da deficit selettivo della memoria, in sostanza non possono apprendere nuove informazioni.

Insomma, dalla diagnosi emerge che il soggetto è in condizioni di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore e di compiere gli atti quotidiani della vita. Anche se incapace di compiere qualsiasi attività lavorativa.

A nostro parere al caso prospettato non è applicabile la sentenza 5031/2016 della Corte di cassazione, secondo la quale l'indennità di accompagnamento deve essere riconosciuta anche a chi, pur essendo capace di compiere gli atti della vita quotidiana, necessita comunque della presenza costante di un accompagnatore a causa di gravi disturbi nella sfera intellettiva, cognitiva o volitiva dovuti a stati patologici gravi o a gravi carenze intellettive tali da non renderlo autonomamente in grado di svolgere tali atti nei modi o nei tempi appropriati per salvaguardare la propria salute e la propria dignità personale senza porre in pericolo sè e altri.

22 ottobre 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pensione invalidità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione ordinaria di invalidità e pensione di invalidità civile - Differenze
La pensione ordinaria di inabilità, prevista dell'articolo 2 della legge 222/1984, costituisce una prestazione di natura previdenziale, è collegata alla esistenza di un rapporto previdenziale, presuppone lo svolgimento di una pregressa attività lavorativa, ha come punto di riferimento la capacità lavorativa specifica dell'assicurato, è correlata alla impossibilità dello svolgimento in ...
Pensione di inabilità e indennità di accompagnamento - Agli eredi vanno corrisposti gli importi liquidati dopo la morte dell'avente diritto
Gli eredi dell'invalido hanno diritto alle quote della pensione d'inabilità e dell'indennità di accompagnamento maturate dalla domanda amministrativa alla morte dell'invalido avvenuta in epoca anteriore all'accertamento dell'inabilità da parte della competente commissione provinciale. Inoltre, il credito inerente a prestazioni assistenziali dovute agli invalidi civili è produttivo di interessi legali e ...
Requisiti per il riconoscimento della pensione di invalidità
A far data dal 28 giugno 2013, il limite di reddito per il diritto alla pensione di invalidità (inabilità) in favore dei mutilati e degli invalidi civili, è calcolato con riferimento al solo reddito IRPEF del richiedente, con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui ...
Indennità di accompagnamento agli stranieri anche senza carta di soggiorno
L'indennità di accompagnamento spetta agli stranieri regolarmente presenti in Italia, anche se non hanno il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno). L'articolo 80, comma 19, della Legge del 23 dicembre 2000, numero 388 escludeva l'indennità di accompagnamento e la pensione di inabilità per ...
Attribuzione della pensione di invalidità - per il requisito reddituale conta l'anno da cui decorre la prestazione
Ai fini dell'accertamento del requisito reddituale previsto per l'attribuzione della pensione di inabilità deve farsi riferimento all'anno da cui decorre la prestazione e deve tenersi conto non solo del reddito personale dell'invalido, ma anche di quello eventuale del coniuge fino alla data di entrata in vigore del decreto legge 76/13 ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca