Intimazione di pagamento da Agenzia delle Entrate Riscossione – Possono procedere al pignoramento dello stipendio?

Ho ricevuto una intimazione di pagamento per cartelle esattoriali per circa 200 mila euro: posso rateizzarne solo una parte che corrisponde a oltre il mio quinto di stipendio.

Possono ugualmente procedere al pignoramento dello stipendio?

Se ha ricevuto l’avviso di intimazione al pagamento vuol dire che le è stata già notificata, e non impugnata, una cartella di pagamento.

Infatti, l’articolo 50, comma secondo, del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 602/1973 dispone che se l’espropriazione non e’ iniziata entro un anno dalla notifica della cartella di pagamento, l’espropriazione stessa deve essere preceduta dalla notifica di un avviso che contiene l’intimazione ad adempiere l’obbligo risultante dal ruolo entro cinque giorni.

Pertanto, l’Agenzia delle Entrate Riscossione, a meno di una tempestiva rateizzazione integrale del debito (non è consentito al debitore scegliersi i carichi debitori da rateizzare), si sta predisponendo all’avvio di un’azione esecutiva nei confronti del debitore inadempiente.

Per quel che riguarda l’eventuale pignoramento dello stipendio, l’articolo 72 ter della normativa già citata, prevede che le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall’agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro.

Resta ferma la misura di cui all’articolo 545, quarto comma, del codice di procedura civile, se le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, superano i cinquemila euro.

17 Febbraio 2020 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione - Quanto mi possono prelevare dalla busta paga?
Ho un debito per più di 200 mila euro con il fisco: mi trovo senza lavoro e senza soldi e volevo sapere se è vero che l'Agenzia delle Entrate Riscossione in qualsiasi caso potrà al massimo pignorarmi un decimo dello stipendio (non credo che troverò un lavoro da più di 2500 euro) e se un giorno il limite dovesse cambiare. Per me il limite resterebbe sempre di un decimo? ho sentito di gente a cui il pignoramento è rimasto uguale perché notificato prima del cambio del limite. ...

Pignoramento dello stipendio da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione - Mi confermate che se lo stipendio non supera i 2500 Euro il limite è di un 1/10?
Per quanto riguarda il pignoramento dello stipendio da parte dell'Agenzia delle Entrate Riscossione mi confermate che se lo stipendio è entro i 2500 Euro è di un 1/10 il limite? E in caso mi dovessi licenziare. Il TFR sarebbe pignorato sempre nei limiti di 1/10? ...

Pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione per un 10% dello stipendio - Ma sulla mia busta paga grava già un altro prelievo del 10%
Ho ricevuto un pignoramento presso terzi, pignoramento del 10% dello stipendio, ma in precedenza già mi era stato notificato un altro pignoramento e il datore di lavoro già mi sta trattenendo il 10%. Mi può adesso trattenere il 20% oppure è valida la legge dell'accodo? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Intimazione di pagamento da Agenzia delle Entrate Riscossione – Possono procedere al pignoramento dello stipendio?