Inquilino moroso e molesto nei confronti dei vicini

La mia domanda è inerente un appartamento che è stato donato dal nonno ai miei due figli ed attualmente è stato locato alla persona sbagliata.

Circa 4 mesi fa ho affittato tramite annuncio su sito online l’appartamento ad un ragazzo: lo stesso mi ha fornito un contratto di lavoro a tempo determinato e varie buste paga, che sarebbe scaduto a fine 2021. Ho cosi’ accettato di locarglielo,sempre per conto dei miei figli. Il contratto è un 3 anni rinnovabile eventualmente ed è un contratto di quelli standard diciamo, con le solite chiamate.

Purtroppo fin dall’inizio ci sono stati problemi.

Non mi ha dato la caparra di due affitti se non dopo due mesi ed inoltre il primo affitto mi ha chiesto di non pagarlo facendomi in cambio dei lavoretti di muratura ed altro nell’appartamento. Ho accettato.

L’affitto seguente mi è stato pagato in ritardo di dieci giorni e su mia sollecitazione.

Dopo un altro mese mi arriva una telefonata dell’amministratore dove mi si dice che l’inquilino fa salire a partire dalle 21.00 di sera decine di persone e che fanno un baccano terribile, che probabilmente bevono e si drogano.

Io chiamo l’inquilino e lui mi dice che non succede nulla e che sono gli altri inquilini ad inventarsi storie.

Questa altalena di telefonate e contatti con l’amministratore continuano sino alla data odierna con, mi si dice interventi di pompieri (l’inquilino si chiude fuori della porta senza chiavi e pretende alle una di notte dagli altri inquilini confinanti, di rientrare dalla terrazza.

Al rifiuto segue chiamata ai pompieri. 3 chiamate).

L’ultima telefonata da un dottore in pensione che abita al fianco del tizio in questione, oggi pomeriggio, dove mi rivela che ieri c’è stata una retata dei carabinieri antidroga e spaccio, ed anche il mio inquilino è stato portato via per essere rilasciato il giorno dopo. Voi potete immaginare.

Aggiungo che mi manca l’affitto di agosto e questo 15 settembre ci sara’ molto probabilmente anche quello del mese corrente.

La mia domanda è se posso dare lo sfratto all’inquilino per comportamento scorretto e pericoloso nei confronti degli altri condomini, se mi conviene aspettare la scadenza del secondo affitto o se c’e’ un altra maniera per liberarmene.

Vorrei dire che per questo ragazzo, a cui non avete idea di quante volte gli ho dato una mano nascondendo ai miei figli la verità e che tra l’altro è di colore, ho dato tante una mano cercando di aiutarlo a mettersi in regola, pero’ ora ho capito che per necessita’ finanziaria o per dipendenza, non posso piu continuare con questa strada.

Vi prego datemi un consiglio perché innanzitutto i soldi dell’affitto servono ai miei figli poco più che maggiorenni, per gli studi, ed io non sono ricco ed anche andare per vie legali mi costa non poco anzi.

E’ bene comprendere che il problema non può essere affrontato per via stragiudiziale, con ammonimenti all’inquilino e approcci bonari, ma necessita di una soluzione giudiziaria che comporta, purtroppo, un esborso finanziario per le parcelle di avvocato.

Innanzitutto, va immediatamente notificata all’inquilino una comunicazione (raccomandata AR) di disdetta del contratto di locazione alla data di scadenza triennale.

Poi, per avere qualche possibilità di riuscire a mandarlo via prima dei tempi contrattualmente previsti, ogni qualvolta non viene pagato il canone mensile entro il giorno concordato per l’adempimento, bisogna mettere in mora l’inquilino moroso con una comunicazione notificata, sempre via raccomandata AR, indicando il termine (di solito 15 giorni), dopo il quale verranno adite le vie legali per il rilascio dell’immobile e per il recupero del credito. E, soprattutto, in caso di morosità, conviene non accettare baratti del canone di locazione con la prestazione di servizi resi al locatore: l’inquilino potrebbe sempre eccepire, in sede giudiziaria, che il valore della prestazione effettuata è stato ben superiore al canone o ai canoni dovuti.

Occorrerà poi, nell’evenienza che l’inquilino persista nell’inadempimento nonostante la “messa in mora”, affidarsi ad un avvocato il quale si adopererà in tribunale per ottenere, nel medio (lungo) periodo, la risoluzione del contratto di locazione per inadempimento nonché la condanna dell’inquilino al rilascio dell’immobile e, in tempi più brevi, almeno un decreto ingiuntivo per procedere esecutivamente nei confronti del debitore moroso (ad esempio con il pignoramento del suo stipendio presso il datore di lavoro).

Con il proprio legale di fiducia il locatore potrà anche valutare l’avvio di un’azione giudiziale basata sulle molestie che l’inquilino arreca ai vicini. Infatti, Il Tribunale di Monza, con la sentenza 2395/2016 , ha stabilito che, se il regolamento di condominio impedisce di recare disturbo alla quiete degli altri condomini, il locatore di un appartamento può far dichiarare dal giudice adito l’avvenuta risoluzione anticipata del contratto di locazione, anche utilizzando, allo scopo, la corrispondenza intercorsa con l’amministratore e le testimonianze circa i ripetuti interventi dei carabinieri e dei vigili del fuoco.

9 Settembre 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Inquilino moroso e molesto nei confronti dei vicini (approfondimenti)
Volevo solo aggiungere dato che ho dimenticato di farlo nella prima domanda che a seguito della retata antidroga al mio inquilino per ora sono stati dati i domiciliari: riuscirò (dato che ho intenzione di contattarlo tramite raccomandata e cercare di risolvere in via diciamo bonaria a farlo andar via) ad annunciargli la volontà mia di mandarlo via o ne sarò impedito dalla legge? Non so in questi casi sia possibile. Un altra domanda era, come mi hanno detto i vicini che nel caso testimonieranno anche, il fatto che l'appartamento l'ho affittato a lui solo, mentre da 3 mesi altre due ...

Inquilino che non lascia appartamento in locazione - Come posso procedere nei suoi confronti?
Il mio inquilino ha dato regolare disdetta e dovrebbe lasciare l'appartamento il 31 maggio 2017: inoltre gli ho già restituito la cauzione e gli ho fatto firmare che appunto entro il 31 maggio 2017, ultimo giorno della locazione, dovrà lasciare l'appartamento libero da persone e cose. Io ho già reperito un nuovo inquilino la cui locazione parte appunto dal 1 giugno 2017. Ho registrato regolarmente il nuovo contratto e chiuso il precedente. Ora il vecchio inquilino mi dice che ha bisogno di un altro mese, quindi vuole restare nell'appartamento per suoi motivi fino a fine giugno. Cosa posso fare anche ...

Quando il Comune paga l'affitto dell'inquilino moroso
Se il reddito del proprio nucleo familiare, risultante dalla dichiarazione ISEE, è uguale o inferiore al canone annuo di locazione, così come risulta da un contratto di affitto regolarmente registrato, l'inquilino rimasto indietro con il pagamento delle mensilità al padrone di casa può accedere al Fondo di morosità incolpevole di cui sono stati dotati i comuni ad alta tensione abitativa. La "morosità incolpevole" deve essere, tuttavia, riconducibile ad uno dei seguenti eventi che abbiano interessato uno o più componenti il nucleo familiare: perdita del lavoro per causa indipendente dalla volontà o dal comportamento del lavoratore; collocamento in mobilità o cassa ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Inquilino moroso e molesto nei confronti dei vicini