INPS chiede restituzione ratei pensione

Studente universitario, orfano di un genitore, ha continuato a ricevere (con accredito su libretto di risparmio) il rateo mensile di una pensione anche dopo che ha compiuto i 26 anni di età.

Subito dopo il raggiungimento dei 26 anni ha informato tramite patronato l'INPS che però ha continuato a versare per altri tre anni malgrado due nuove richieste, da parte del patronato, a sospendere gli accrediti.

Oggi l'INPS chiede la restituzione dell'intera somma di tre anni accreditati. La restituzione di quanto richiesto dall'INPS è legittima? Si può evitare il pagamento?

Avendo notificato all'INPS la richiesta di interruzione degli accrediti relativi alla pensione di reversibilità, in occasione del raggiungimento del 26.mo anno di età, può evitare di versare, nel caso in cui venissero pretesi, gli interessi legali maturati sulle somme corrisposte. Ma, purtroppo, deve restituire il capitale, quantunque erroneamente, erogato dall'Istituto di previdenza sociale.

28 febbraio 2016 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pensione reversibilità e indiretta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Restituzione delle pensioni » Stop dell'Inps: rigettate le domande di richiesta degli arretrati
Stop alla restituzione delle pensioni: l'Inps respinge le domande di richiesta degli arretrati. Restituzione solo di una parte degli arretrati della pensione ed applicazione di rivalutazioni minime: chi sperava che la norma attuativa, decreto legislativo 65/2015, della nota sentenza della Corte Costituzionale 70/2015, la quale ha dichiarato illegittimo blocco delle ...
Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti
L'esclusione o la diminuzione dell'assegno di mantenimento non legittima la restituzione delle somme percepite precedentemente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 23441/13, ha sancito che: Se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, non è legittima la restituzione ...
Termine di decadenza del rimborso per il versamento di imposte non dovute quando il diritto alla restituzione sorge in epoca successiva al pagamento
Nel caso di errore materiale, duplicazione ed inesistenza totale o parziale dell'obbligo, il soggetto che ha effettuato il versamento di imposte sul reddito può presentare istanza di rimborso, entro il termine di decadenza di quarantotto mesi (due anni) dalla data del versamento stesso. Ove il diritto alla restituzione sia sorto ...
Prestiti tra parenti » Il diritto alla restituzione va provato
Prestiti tra familiari: se in tribunale si chiede la restituzione di una somma di denaro data a titolo di mutuo, l'attore deve fornire la prova rigorosa dell'esistenza di un accordo pregresso per la restituzione dell'importo. Ove in giudizio si chieda la restituzione di una somma di denaro conferita a titolo ...
Multe scontate » Chi paga di più può chiedere la restituzione delle somme
Il trasgressore che ha pagato la sanzione amministrativa stradale tempestivamente, senza beneficiare dello sconto del 30%, ha diritto alla restituzione di quanto indebitamente versato. E' stato segnalato che in alcuni casi, il trasgressore o l'obbligato in solido, nell'effettuare il pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria presso l'ufficio postale, ha versato, entro ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca