Indennità ai superstiti per morte e rinuncia eredità


La pensione indiretta o l'indennità una tantum possono essere fruite dal familiare superstite indipendentemente dall'eventuale rinuncia all'eredità


Mia mamma ha rifiutato l’eredità alla morte di mio papà: ora vorrebbe richiedere all’INPS l’indennità per morte,prestazione che spetterebbe al coniuge superstite, in caso di mancata reversibilità.
Mi chiedo se può farlo? Oppure è in contrasto col rifiuto all’eredità?

La Corte Costituzionale nella sentenza 286/1987 ha stabilito, una volta per tutte, che non vi è alcuna possibilità di perdere il diritto alla pensione di reversibilità ai superstiti del lavoratore presentando formale rinuncia all’eredità. Questo perché la pensione di reversibilità ai superstiti viene considerata un diritto non ereditabile, ossia primario, cioè legato al sostentamento di chi ne ha, per legge, diritto.

L’indennità per morte una tantum (erogata ai superstiti del soggetto iscritto ad una forma di previdenza, quando non sussiste il diritto alla pensione indiretta o di reversibilità) è una prestazione assistenziale come la pensione di reversibilità e pertanto indipendente da una eventuale rinuncia all’eredità del defunto da parte del coniuge superstirte.

21 Febbraio 2023 · Tullio Solinas





Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Indennità ai superstiti per morte e rinuncia eredità. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.