Impugnare un testamento olografo ritenuto falso

Io sono debitore verso l’Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER), mio padre é morto e non ha fatto testamento, a quel punto sarebbe andato tutto a metà con mio fratello con conseguenti pignoramenti, eccetera, eccetera.

Mio fratello ha prodotto un testamento dove mio padre lascia a me un appartamento (che ho messo come prima ed unica casa) e a lui 2 appartamenti.

Ci siamo accordati però che vendiamo 1 appartamento e il ricavato andrà a metà. Accordi verbali. Ora lui non vuole più rispettare questi accordi.

Penso di fare denuncia ai Carabinieri per testamento falso (sarebbe facile da dimostrare con una perizia). Se a quel punto mio fratello decide di rispettare gli accordi (per non dover anche rifare tutta la trafila per la successione, eccetera), posso poi ritirare la denuncia o andrà avanti d’ufficio?
Lo so che si tratta di una questione strana.

In effetti non si può nemmeno impugnare il testamento con un’azione di riduzione per violazione della quota di legittima: infatti in assenza di coniuge e con due figli, la massa ereditaria si divide in 1/3 a ciascuno dei due figli ed 1/3 disponibile al de cuius che può lasciare la propria quota a chi meglio desidera, e, pertanto, se la massa ereditaria è costituita da 3 appartamenti, uno ad un figlio e due all’altro, il testamento è inattaccabile e l’azione di riduzione, avviata dal coerede che ha ricevuto meno, inammissibile.

la parte che contesti l’autenticità del testamento olografo deve proporre domanda di accertamento negativo della provenienza della scrittura, e grava su di essa l’onere della relativa prova, secondo i principi generali dettati in tema di accertamento negativo. Non è necessario, pertanto, presentare querela di falso, come avviene quando il testamento è un atto pubblico redatto da un notaio (Corte di Cassazione, sentenza 30733/2017).

Nemmeno si procede con querela di parte nei confronti di qualcuno (chi si sospetta abbia falsificato la firma del defunto), ma si presenta una richiesta di accertamento giudiziale sulla originalità della firma apposta al testamento dal defunto, senza accertamento di responsabilità su chi abbia, eventualmente, contraffatto la firma del defunto). Tuttavia sono necessari l’assistenza di un avvocato ed una perizia di parte.

Naturalmente, nel corso del procedimento giudiziale, in attesa di una sentenza, potrà sempre raggiungere un accordo con la controparte ed estinguere la procedura.

7 Novembre 2022 · Michelozzo Marra



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Impugnare un testamento olografo ritenuto falso