Servizi Icloud: raccolta dati subdola e clausole vessatorie – L’Agcm apre un’istruttoria


Utilizzo il servizio Cloud della Apple per evitare di perdere i miei dati (foto, contatti, ecc) in caso di rottura improvvisa o smarrimento dello smartphone: ho paura, però, che i miei dati possano essere utilizzati a fini commerciali.

Inoltre, ultimamente ho provato, senza successo, a recedere dal servizio.

Qualcuno ha informazioni in merito?

Un numero sempre maggiore di utenti utilizza quotidianamente il cloud computing: un servizio piuttosto comodo per tutti coloro i quali hanno necessità di salvare file senza occupare memoria nel proprio dispositivo.

Sull’operato di alcuni tra i maggiori provider che operano in questo campo sono stati però sollevati dei dubbi da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) che ha annunciato di aver avviato sei istruttorie nei confronti di Apple per il servizio iCloud; di Google per Google Drive e di Dropbox.

Le accuse che gli vengono mosse riguardano presunte violazioni della Direttiva sui consumatori e la presenza di clausole potenzialmente vessatorie nei contratti che vengono fatti sottoscrivere agli utenti.

Le istruttorie che riguardano Google e Apple si focalizzano sul fatto che, secondo le accuse, i colossi della Silicon Valley al momento di presentare il servizio ai nuovi clienti, non comunicherebbero con sufficiente chiarezza l’attività di raccolta e utilizzo, a fini commerciali, dei dati forniti dall’utente.

Stesse accuse degli altri due competitor per Dropbox cui si imputa, in aggiunta, una scarsa trasparenza nella comunicazione di tutti quelli che sono i termini e le procedure per recedere dal contratto in essere.

L’azienda con sede a San Francisco è stata inoltre accusata di non consentire al consumatore, per via della mancata comunicazione delle indicazioni necessarie, un agevole ricorso a tutti quei meccanismi extra-giudiziali di conciliazione a cui il cliente ha diritto.

L’Antitrust ha inoltre comunicato di voler indagare, fra le altre cose, anche su alcune clausole piuttosto controverse che lascerebbero alle aziende imputate ampia facoltà di sospendere il servizio; in caso di perdita dei dati custoditi nel cloud l’esonero di responsabilità; la modifica unilaterale delle condizioni contrattuali; e infine, la prevalenza del contratto nella sua versione inglese piuttosto che in lingua italiana.

17 Settembre 2020 · Giovanni Napoletano



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Servizi Icloud: raccolta dati subdola e clausole vessatorie – L’Agcm apre un’istruttoria