Genitore indebitato – Al suo decesso i debiti passano ai figli

Quindici anni fa, nostra madre (siamo 2 fratelli) donò una proprietà di pari valore a ciascuno di noi: a me un appartamento in città, e a mio fratello un appartamento dove vive anche lei in uno stabile privo di regolamento condominiale in quanto i residenti sono tutti membri della stessa famiglia e dove le decisioni vengono prese di comune accordo. Due anni fa decisero di effettuare dei lavori di ristrutturazione: mia madre per quieto vivere acconsentì, ma si indebitò fortemente con l’impresa edile e a tutt’oggi non ha pagato quasi nulla e nemmeno mio fratello. Detto ciò formulo la mia domanda: non avendo il sottoscritto nessuna proprietà in quel palazzo, se domani morisse mia madre, questo debito entrerebbe a far parte dell’eredita? Ne sarei anche io debitore in solido verso l’impresa edile? O tocca solo a mio fratello farsene carico?

I debiti dei genitori passano ai figli, ma non in solido, pro quota: l’articolo 752 del codice civile stabilisce, infatti, che i coeredi (che accettano l’eredità) contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari del de cuius, in proporzione delle loro quote ereditarie.

Nel caso specifico, in assenza di dichiarazione di rinuncia all’eredità dei due chiamati e supponendo vedova la madre deceduta, ciascuno dei due fratelli dovrà farsi carico del 50% dei debiti accumulati in vita dalla propria genitrice.

In particolare, il figlio convivente ha solo tre mesi di tempo dal decesso della madre, per presentare la dichiarazione di rinuncia all’eredità.

4 Settembre 2021 · Stefano Iambrenghi



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti