Genitore deceduto e conti correnti mai chiusi

Ho scoperto da documenti trovati in cantina, che mio padre,deceduto nel 2017, aveva aperto vari conti correnti dal 2010 in poi, tutti rimasti aperti in rosso. Alcuni erano intestati solo a lui, e altri erano cointestati anche con me (non me ne ricordavo minimamente). Mi é stato detto peró da amici che questi debiti ora gravano su di me, avendo io compiuto atti di accettazione tacita dell’ereditá. Come posso muovermi, per cercare di risolvere il tutto? Mi conviene andare spontaneamente a chiedere delucidazioni in banca, soprattutto alla luce del fatto che non posso pagare, avendo solo un lavoretto di 20 ore settimanali? Non ho nessun bene di proprietá, né soldi da parte. Grazie per i consigli che potrete darmi, non so proprio che fare.

Ci spiace, ma non possiamo darle alcun consiglio: potrebbe lasciare le cose come stanno senza svegliare il can che dorme con l’effetto indesiderato di veder crescere l’importo a debito per le spese di gestione annuali dovute per ciascun conto corrente aperto.

Oppure, in qualità di erede, potrebbe chiudere tutti i conti correnti in rosso senza necessariamente corrispondere alla banca lo scoperto: in tale ipotesi verrebbe poi contattato dalle solite società di recupero crediti che pretenderanno da lei il rimborso degli importi in rosso contabilizzati al momento della chiusura. Ma, potrà concludere con tali società accordi a saldo stralcio dilazionati, oppure, se è davvero nullatenente o lavoratore precario part time, potrà fregarsene allegramente delle richieste di rimborso.

25 Gennaio 2021 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accesso ai conti correnti di un genitore
Vorrei chiedere se è possibile per un figlio avere accesso (solo per verificare) ai conti correnti o depositi bancari di un genitore, solo perchè l'importo che risultava esserci in banca precedentemente risulta notevolmente minore; a prima, con la certezza che è stato chiuso un libretto bancario e aperto un altro conto a mia insaputa e il mio dubbio è che mio fratello abbia prelevato per sè la differenza probabilmente con il benestare dei nostri genitori. E non si tratta di piccole cifre credetemi. ...

Il subentro del coniuge superstite nella posizione del titolare deceduto tenuto al pagamento del tributo relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani non integra accettazione tacita dell'eredità
Nel maggio scorso è morto mio padre: tutte le bollette erano intestate a mia mamma, tranne la tassa dei rifiuti. Essendo mia mamma incapace, ho chiesto il subentro al pagamento della tassa rifiuti ed è stato aperto un nuovo contratto e utente. Poichè mio padre aveva debiti, voglio rinunciare all'eredità sia per me che per mia mamma. L'azione di subentro può essere vista come accettazione tacita? purtroppo ho indicato in qualità di erede, anche se mia mamma è proprietaria. ...

Debiti Casa in eredità e fissazione termine per accettazione
Ho contratto vari debiti per i quali mi sono stati notificati due decreti ingiuntivi: da poco è morto un mio zio del quale sono erede con i miei 2 fratelli e mi è stata notificata, da parte di uno dei creditori, un ricorso per l'accertamento dell'accettazione tacita dell'eredità, (non ho ben capito perché avrei compiuto degli atti nei quali sembrerebbe io abbia accettato l'eredità), e in subordine la fissazione di un termine per l'accettazione o la rinuncia. Cosa posso fare per tutelarmi? Ad oggi dietro consiglio di un amico ho solo presentato richiesta di successione, ma non ho provveduto a ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Genitore deceduto e conti correnti mai chiusi