Fermo amministrativo - C'è sempre il preavviso?

Come funziona il fermo amministrativo di un veicolo di proprietà del debitore? Vorrei sapere se prima che esso divenga operativo il debitore proprietario dell'autovettura viene avvisato tramite raccomandata in modo da poterlo evitare.

La procedura di iscrizione del fermo di beni mobili registrati è avviata dall'agente della riscossione con la notifica al debitore, o ai coobbligati iscritti nei pubblici registri automobilistici (PRA), di una comunicazione preventiva contenente l'avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sarà eseguito il fermo, senza necessità di ulteriore comunicazione, mediante iscrizione del provvedimento che lo dispone nei registri mobiliari, salvo che il debitore o i coobbligati, nel predetto termine, dimostrino all'agente della riscossione che il bene mobile è strumentale all'attività di impresa o della professione.

Questo è il disposto dell'articolo 86 (Fermo di beni mobili registrati), secondo comma del dpr 602/1973.

Naturalmente, per notifica al debitore si intende sempre una comunicazione inviata al debitore con raccomandata AR (ma, fare sempre attenzione alla notifica per compiuta giacenza, che, spesso, frega il debitore).

In pratica, una volta ricevuto il preavviso, il debitore proprietario del veicolo su cui il concessionario della riscossione minaccia di disporre il fermo amministrativo ha quattro opzioni:

  1. pagare il debito;
  2. chiedere la rateazione del debito;
  3. dimostrare al concessionario che il veicolo è funzionale all'attività professionale svolta (non è certo sufficiente, per evitare il fermo, asserire che il veicolo viene utilizzato per raggiungere il luogo di lavoro dove viene svolta attività da dipendente);
  4. vendere il veicolo.

16 gennaio 2017 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fermo amministrativo
preavviso di fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fermo amministrativo - quando la notifica del preavviso è omessa o viziata
Com'è noto, dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, se il debitore non ha provveduto a pagare, non ha ottenuto una rateizzazione o non è intervenuto un provvedimento di sospensione o annullamento del debito, Equitalia può attivare alcune procedure a garanzia del credito degli enti impositori. Fra queste, il ...
Opposizione al preavviso di fermo amministrativo per sanzioni amministrative? » Esclusivamente presso il giudice di pace
Anche in caso di preavviso di fermo amministrativo il ricorso va presentato presso il giudice di pace. Nel caso di fermo amministrativo basato su cartelle esattoriali per multe stradali, a decidere deve essere il giudice di pace: non importa che l'opposizione sia stata avanzata dopo la notifica del preavviso di ...
Fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore – Se già iscritto si potrà ottenere la sospensione del provvedimento chiedendo la rateazione del debito e pagando la prima rata
Equitalia, ricevuta la richiesta di rateazione, può iscrivere ipoteca sull'immobile di proprietà del debitore o disporre il fermo amministrativo sul suo veicolo, solo nel caso di mancato accoglimento della richiesta, ovvero di decadenza dal beneficio della rateazione che si verifica se non pagano 5 rate anche non consecutive. Tuttavia, prosegue ...
Autovettura sottoposta a fermo amministrativo » E' possibile venderla?
Come abbiamo chiarito esaurientemente nei nostri precedenti articoli sul tema, il fermo amministrativo consiste in una misura cautelare attivata dall'agente della riscossione (Equitalia) attraverso la trascrizione del fermo del bene mobile registrato, ad esempio un'automobile, nel Pubblico registro automobilistico, con conseguente divieto di circolazione. La circolazione con mezzi sottoposti a ...
Fermo amministrativo » Dal preavviso alla cancellazione
Il fermo amministrativo viene istituito nel 1973 ed è una disposizione tramite cui le amministrazioni o gli enti competenti (si va dall'Agenzia delle entrate all'Inps, dalle Regioni ai Comuni) provvedono, tramite enti esattori, alla riscossione coattiva di crediti insoluti “bloccando” un bene mobile dell'obbligato. Il fermo amministrativo, di solito, viene ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca