Estinzione di Carta di credito a causa di pignoramento


La mia banca ha ricevuto un pignoramento del mio conto corrente sul quale ricevo esclusivamente la pensione ed ho attivata una carta di credito. La banca ha pignorato il quinto della pensione eccedente la misura del art.545/7 cpc ed ha estinto la carta di credito con la motivazione che con il pignoramento non ha più i fondi che ne giustificano il rilascio. Questo non è vero in quanto l’importo di pensione impignorabile è comunque valido per il mantenimento di una Credit Card poichè comunque al sopra di 1.000 euro. E’ possibile contestare alla banca questa procedura!

Il rapporto di sottoscrizione di un conto corrente nonché della conseguente possibilità di emettere assegni o utilizzare carte di credito, bancomat e carte prepagate è un rapporto bilaterale: una delle controparti può recedere dandone congruo preavviso all’altra. Peraltro, nella fattispecie, la carta di credito associata ad un conto corrente pignorato non sarebbe utilizzabile fino alla data del decreto giudiziale di assegnazione del saldo. Comunque, nell’ipotesi di pignoramento del conto corrente su cui viene accreditata la pensione il debitore inadempiente ha il diritto (reclamandolo ad un funzionario di banca della filiale ove è stato aperto il conto corrente pignorato) di prelevare l’importo dell’ultimo cedolino non oltre i 1.379 (pari a tre volte l’attuale importo massimo dell’assegno sociale), così come previsto dall’articolo 545 comma 8 (non 7) del codice di procedura civile.

Nel caso specifico la banca le ha concesso di mantenere il conto corrente su cui viene accreditata la pensione (ma non poteva fare altrimenti, essendo il rapporto di c/c bloccato in attesa delle decisioni del giudice – ciò non toglie che appena possibile verrà unilateralmente chiuso anche il conto corrente): per contestare la procedura seguita dalla banca non resta altro da fare che aprire un nuovo conto corrente con altro istituto di credito (se non si hanno esigenze particolari è sufficiente sottoscrivere un contratto che preveda l’emissione di una prepagata dotata di IBAN), comunicare all’INPS le nuove coordinate bancarie per l’accredito della pensione, regolare eventuali addebiti periodici con le società che le forniscono servizi, e chiudere il conto corrente pignorato appena il giudice adito dal creditore insoddisfatto darà il via libera con il decreto di assegnazione delle somme pignorate.

3 Aprile 2022 · Simonetta Folliero



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Estinzione di Carta di credito a causa di pignoramento