Nuova cessione del quinto – Bisogna attendere i 2/5 della durata originaria del contratto sottoscritto prima di poter rinegoziarne le condizioni di durata nonchè di importo del prestito e della rata di rimborso

E’ vero che se estinguo la cessione del quinto che ho in corso (mancano 6 rate), poi per richiederne un’altra nuova deve passare un anno?

E’ vero: in caso di estinzione anticipata della cessione del quinto in corso, bisogna attendere che sia trascorso almeno un anno prima di poter rinnovare il prestito dietro nuova cessione.

Inoltre, una rimodulazione della cessione del quinto in corso (di durata e importo maggiori, ad esempio, sempre nel limite di prelievo del 20% in busta paga) non può essere effettuata prima che siano scaduti i due quinti della durata originaria del prestito.

In pratica, se la durata originaria del prestito dietro cessione del quinto è pari a 30 mesi (due anni e mezzo) allora, per rinegoziare la cessione del quinto in corso, bisognerà attendere che siano trascorsi 12 mesi dall’inizio della sottoscrizione del contratto.

Si tratta dei vincoli previsti dall’articolo 39 del Decreto Presidente della Repubblica (DPR) 180/1950 secondo il quale è vietato di contrarre una nuova cessione del quinto prima che siano trascorsi almeno due anni dall’inizio della cessione stipulata per un quinquennio o almeno quattro anni dall’inizio della cessione stipulata per un decennio, salvo che sia stata consentita l’estinzione anticipata della precedente cessione, nel qual caso può esserne contratta una nuova purché sia trascorso almeno un anno dall’anticipata estinzione.

15 Febbraio 2020 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Passaggio del dipendente a nuova società subentrata e destinazione della rata di rimborso della cessione del quinto
Ho maturato con una società il mio TFR di euro 3 mila e 450 e avevo una cessione del quinto con una rata di 214 euro. La società dal 30/02/2018 ha lasciato l'appalto ed è subentrata una nuova società operativa dal 01/03/2018. Da 5 mesi continuo a pagare la rata di euro 214. Ieri mi è arrivata da parte della vecchia società una comunicazione che il mio TFR MATURATO lo daranno tutto alla finanziaria cche ha erogato il prestito dietro cessione del quinto. Visto che sto rispettando il contratto e continuo a pagare la rata, posso chiedere che il mio ...

Cessione del quinto e debiti alimentari - Posso chiedere una riparametrazione al ribasso della rata?
Ho in corso, dal 2013, un finanziamento assistito da cessione del quinto dello stipendio: poiché dal 2017 sono civilmente separato con obbligo di alimenti mensili di mille euro la mia domanda è: - considerato che il mio stipendio attuale è di €2 mila euro, posso ottenere una riparametrazione al ribasso della cessione del quinto dagli attuali € 363 in ragione del nuovo impegno giudizialmente stabilito? - il finanziamento è a 30 anni: è vero che al decimo anno non sarà più operata cessione se non con rinnovo bilaterale? ...

Chiarimenti su posizione debitoria - Stipendio già gravato da rate di rimborso per prestito delega e dietro cessione del quinto nonchè da trattenuta mensile diretta per obblighi di mantenimento
Molteplici debiti, stipendio gravato da cessione, delega e alimenti: 1500 netto 300 cessione 300 delega 300 alimenti: quanto può essermi pignorato se non riesco più a pagare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nuova cessione del quinto – Bisogna attendere i 2/5 della durata originaria del contratto sottoscritto prima di poter rinegoziarne le condizioni di durata nonchè di importo del prestito e della rata di rimborso