Eredità e debiti con Agenzia delle Entrate – Il diritto di abitazione assegnato per testamento all’erede debitore impedisce al creditore di eccepire la lesione della quota di legittima per conto del debitore stesso

Mio fratello ha ingenti debiti con l’Agenzia delle Entrate: alla morte di mio padre riceveremo in eredità la casa di famiglia.

Visti i debiti di mio fratello penso che l’Agenzia delle Entrate potrebbe pignorare la sua parte.
Come si potrebbe ovviare a ciò?

Mio padre potrebbe fare testamento lasciando a me tutto la casa e a mio fratello invece dei terreni che ha per evitare il pignoramento dell’immobile?

Anche i terreni sono espropriabili e, comunque, se il patrimonio ereditario non è equamente bilanciato per quel che riguarda il valore dei terreni e il valore dell’immobile, l’Agenzia delle Entrate potrebbe eccepire, al posto di suo fratello, la lesione della quota di legittima e farsi assegnare anche una parte dell’immobile a integrazione.

Infatti, l’articolo 2900 del codice civile dispone che Il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare, purché i diritti e le azioni abbiano contenuto patrimoniale e non si tratti di diritti o di azioni che, per loro natura o per disposizione di legge, non possono essere esercitati se non dal loro titolare.

Proprio la frase e non si tratti di diritti o di azioni che, per loro natura o per disposizione di legge, non possono essere esercitati se non dal loro titolare, fornisce una possibile scappatoia.

Il testamento dovrebbe attribuire il diritto di abitazione nell’immobile al fratello debitore e tutto il resto dovrebbe essere assegnato al fratello non debitore.

In questo modo, si inibisce la possibilità all’Agenzia delle Entrate di agire ex articolo 2900 del codice civile, come spiegato qui.

15 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il creditore non può sostituirsi al debitore, che ha ereditato per testamento il diritto di abitazione, per rivendicare la lesione della quota di legittima
Tanto per semplificare le idee, supponiamo che il de cuius non abbia fatto testamento ed abbia lasciato in eredità ai suoi due figli un immobile ciascuno, di uguale valore commerciale. Supponiamo che dei due figli uno sia debitore e rinunci all'eredità. Il creditore del figlio debitore, in base all'articolo 524 del codice civile, può impugnare la rinuncia, o meglio esercitare azione revocatoria dell'atto di rinuncia. Infatti, se taluno rinuncia a un'eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza ...

Debito abnorme con il fisco - Testamento del coniuge non debitore e pericolo di azione del creditore per lesione della legittima
Storia lunga che cercherò sintetizzare: socio di una srl (in realtà fiduciario di un vecchio amico) al 70%, sono stato accusato di aver ricevuto una sostanziosa parte di utili non contabilizzati per un ammontare totale comprese sanzioni di 10 milioni e 45 mila euro (venti miliardi delle vecchie lire). I ricorsi sono stati prima vittoriosi, ma poi da ultimo in Cassazione sono risultato soccombente. Sono sposato in separazione di beni (io sono nullatenete e godo solo di una pensione ex INPDAP). In una ipotesi sciagurata di premorienza di mia moglie (che ha alcuni immobili provenienti dalla sua famiglia ormai tutti ...

Eredità e minacciata lesione della quota di legittima
Siamo 2 sorelle e 2 fratelli, e madre ancora in vita: circa 5 anni mio padre é venuto a mancare e da allora non mi è stato più permesso di metter piede in casa dei miei genitori in quanto qualche anno fa, essendo in difficoltà economica i miei genitori mi aiutarono economicamente a pagare le rate del mutuo circa 6000 euro in totale e a detta loro a me adesso non mi spetterebbe più niente e mi vogliono escludere dell'eredità in quanto due fratelli sostengono che loro essendo che ad oggi hanno ancora la residenza nella casa dei miei genitori ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Eredità e debiti con Agenzia delle Entrate – Il diritto di abitazione assegnato per testamento all’erede debitore impedisce al creditore di eccepire la lesione della quota di legittima per conto del debitore stesso