Quando si prescrive il diritto di accettazione dell’eredità?

Volevo sapere cosa succede all’eredità se i chiamati all’eredità entro dieci anni dalla morte del de cuius non accettano e non rinunciano all’eredità.

Il diritto di accettare l’eredità si prescrive nel termine ordinario di dieci anni: il termine decorre dal giorno dell’apertura della successione (articolo 480 del codice civile).

Quindi dopo il decimo anno dal decesso del de cuius, se nessuno accetta l’eredità, subentra la tacita rinuncia e i beni del defunto passano allo Stato.

Attenzione, però: pendente il termine per accettare l’eredità, l’articolo 481 del codice civile stabilisce che chiunque vi abbia interesse può chiedere che l’autorità giudiziaria fissi un termine entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all’eredità. Trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare. Dunque, il termine per accettare l’eredità può essere più breve di quello decennale.

12 Febbraio 2020 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartelle di Agenzia Entrate Riscossione ai chiamati all'eredità
In seguito alla morte del de cuius che lascia solamente eredità passiva, Agenzia Entrate Riscossione può inviare cartelle intestate ai chiamati all'eredità (ossia a coloro che non hanno ancora deciso, entro i termini di legge, se accettare o meno l'eredità)? ...

Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni - Ma i cointeressati possono chiedere al giudice di fissare un termine più breve
Mio padre è morto 01/01/2019: ho fatto sapere ai miei Coeredi di avvalermi della facoltà di decidere entro i dieci anni consentiti (articolo 480 del codice civile). Notaio incaricato dai coeredi mi dice che è pronta la successione e che deve essere versato contributo pro-quota di euro mille. Se pago il Notaio (palesemente Non Informato dai coeredi della mia volontà di sospendere la decisione di accettare l'eredità) si Configura come accettazione? con tutto quel che ne consegue? Il Compenso Notaio ed Imposte Pro-Quota le Pagherò, Retroattivamente, al Momento della mia Decisione di Accettazione dell'Eredità . ...

Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca successiva alla rinuncia, non integra accettazione tacita dell'eredità e non rende inefficaci gli effetti della precedente rinuncia. La rinuncia all'eredità, infatti, può essere riconosciuta inefficace solo se, fra la data di decesso del de cuius e quella di sottoscrizione della rinuncia stessa, è possibile ascrivere al soggetto che rinuncia il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quando si prescrive il diritto di accettazione dell’eredità?