Equitalia ed estero

Ho recentemente ricevuto una cartella da Equitalia per un totale assurdo di 150 mila euro riferiti al 2000: io vivo in Australia proprio dal 2000 e sono regolarmente iscritto all'AIRE dal 2005. Questa cartella mi è stata notificata tramite raccomandata nel 2015 e sulla stessa viene scritto di precedenti notifiche mai avvenute (o per lo meno mai ricevute dal sottoscritto).

Come mi devo comportare? In Italia ero praticamente nullatenente mentre qui sono riuscito a comprarmi una casa; è a rischio di pignoramento? Tengo a sottolineare che dal 2007 sono cittadino anche Australiano. Conviene che mi cancelli dall'AIRE (visto che con la doppia cittadinanza non è più obbligatoria) o magari rinunci addirittura alla cittadinanza italiana?

Ormai la sua residenza nella terra dei canguri è nota: anche se dovesse chiedere la cancellazione dall'AIRE e trasferirsi in altri siti (vendendo l'immobile e ricomprandolo altrove) sarebbe relativamente semplice individuare dove potrebbe essersi spostato, partendo dall'attuale domicilio.

Peraltro, un debito è un debito nel momento in cui viene assunto e non rilevano le vicissitudini successive legate alla doppia, o singola, nazionalità.

Se il valore commerciale dell'immobile di cui è attualmente proprietario copre il debito iscritto a ruolo e le rilevanti spese legali necessarie per escuterlo coattivamente all'estero, Equitalia potrebbe anche pensarci a promuovere azione esecutiva in Australia. Molto dipende dalle policies fissate dal management dell'ente creditore (probabilmente l'Agenzia delle entrate, anche se lei non lo riferisce).

Per disincentivare il creditore ed il concessionario della riscossione, e continuare a dormire sonni tranquilli, l'unica via è quella di ritornare allo stato di nullatenenza, trasferendo a terzi la proprietà dell'immobile.

5 febbraio 2016 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartelle esattoriali Equitalia o ADER

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti e rintraccio del debitore all'estero – AIRE Anagrafe Italiani Residenti Estero
L'AIRE rappresenta, in pratica, l'unico anello di congiunzione fra ultimo comune italiano di residenza e il nuovo domicilio del debitore italiano all'estero. Le società di recupero crediti, pertanto, contattano l'anagrafe della residenza registrata sui moduli di richiesta prestito. Risalgono via via ai comuni dove il debitore si è eventualmente trasferito ...
Viaggi e vacanze » L'assistenza sanitaria quando si va all'estero
Ferie, ci siamo: vi state preparando per il tanto agognato viaggio all'estero? Siete in trepidante attesa per la vostra vacanza extra-continentale? Bene. Non per fare i guastafeste, ma siete al corrente di come funziona l'assistenza sanitaria fuori dall'Italia? Se no, ve lo spieghiamo noi. Nell'articolo che segue, dunque, vi illustreremo ...
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali estende il bonus bebé anche ai familiari extracomunitari di cittadini UE - Per fruire del bonus bebé è sufficiente che siano in possesso di un permesso di soggiorno
Com'è noto, nell'ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie la legge di stabilità per il 2015 ha previsto, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, un assegno annuo di importo pari a 960 euro (bonus bebé) da ...
Cartella esattoriale di equitalia » E' legittima la notifica alla domestica
In tema di notifica di cartella esattoriale, qualora il postino trovasse solo la domestica, o la badante, nell'appartamento del destinatario legittimo, la firma di quest’ultima sull'atto di Equitalia non rende invalida la notifica. Se il postino, infatti, consegna la cartella esattoriale alla domestica, la notifica da parte di Equitalia è ...
Agevolazione fiscale prima casa » Non perde i benefici il cittadino che si deve trasferire all'estero per ragioni di lavoro
L'agevolazione fiscale per la prima casa resta valida anche se non si abita nell'immobile: chi risiede all'estero, infatti, non perde il beneficio se vende e ricompra l'abitazione. Non decade dall'agevolazione prima casa il contribuente che venda la casa prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto e ne compri ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca