Convivo con un'amica - Qual è il mio nucleo familiare ai fini ISEE?

Ho sessant'anni, sono divorziato e purtroppo anche disoccupato, vivo a casa di una mia carissima amica che mi sta dando una mano e dove ho anche la residenza, preciso che tra noi c'è solo amicizia; nella difficoltà di trovare un lavoro vorrei fare domanda per il reddito d'inclusione rei ma non è chiaro e non trovo una risposta esaustiva per quanto riguarda la composizione del nucleo famigliare. Lei lavora, non abbiamo nessun rapporto di parentela e la casa è di sua proprietà con un mutuo. La logica mi dice che siamo due nuclei familiari diversi, ma mi hanno detto che vivendo nella stessa casa formiamo un solo nucleo familiare: forse la differenza sta nella convivenza anagrafica diversa dalla famiglia anagrafica ma come devo comportarmi nella compilazione?

Tutto dipende da ciò che è stato dichiarato (o non dichiarato) al momento del trasferimento di residenza presso l'abitazione di proprietà della sua amica.

Se non è stato dichiarato nulla, di solito viene inteso implicitamente (dagli ufficiali d'anagrafe preposti) che fra i conviventi intercorre un rapporto di parentela o affettività, ed allora viene formata un'unica famiglia anagrafica (entrambi i conviventi vengono inclusi nello stesso stato di famiglia). In tale ipotesi il nucleo familiare è unico, costituito da entrambi i residenti.

Analoga situazione si ha quando la coppia residente sotto lo stesso tetto dichiara di voler costituire una convivenza di fatto.

Diverso è il discorso, invece, qualora chi trasferisce la propria residenza dichiari esplicitamente di non avere alcun rapporto di parentela o di affettività con il soggetto che lo accoglie e che, anzi, la convivenza è temporanea, dettata esclusivamente da motivi di lavoro e/o di studio, e riconducibile a semplice ospitalità. Con questi presupposti, vengono registrate due distinte famiglie anagrafiche, residenti e conviventi nel medesimo immobile, con la conseguente formazione di due nuclei familiari, ciascuno costituito, nella fattispecie, da un unico elemento.

Dunque, per sapere come compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) non bisogna fare altro che chiedere un certificato di stato di famiglia e, se del caso, presentare istanza affinché siano apportate le necessarie modifiche ai registri anagrafici.

25 ottobre 2018 · Simone di Saintjust

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?