Domicilio a senza fissa dimora debitore – Cosa rischio?


Mio fratello si trova nella condizione di senza fissa dimora a causa di debiti con agenzia delle entrate e l’impossibilità di trovarsi una casa in affitto. Il mio assenso ad un eventuale nulla osta per la sola domiciliazione di atti e comunicazioni potrebbe essere per me un rischio per eventuali pignoramenti? Ai fini ISEE e’ rilevante?

L’articolo 492 del codice di procedura civile stabilisce che l’atto di pignoramento deve contenere, fra l’altro, l’invito rivolto al debitore ad effettuare presso la cancelleria del giudice dell’esecuzione, l’elezione di domicilio o la dichiarazione di residenza in uno dei comuni del circondario in cui ha sede il giudice competente per l’esecuzione, avvisandolo che, in caso di mancata dichiarazione o elezione o di irreperibilità presso la residenza dichiarata o il domicilio eletto, le successive notifiche o comunicazioni a lui dirette saranno effettuate presso la cancelleria dello stesso giudice.

Se per domiciliazione si intende l’adempimento del debitore ai sensi dell’articolo 492 del codice di procedura civile, il domiciliatario (ovvero la persona presso la quale è stato eletto domicilio e alla quale vanno notificati gli atti diretti a colui che ha fatto l’elezione di domicilio) non corre alcun rischio. Analogamente, nessuna rilevanza ai fini ISEE del nucleo familiare del domiciliatario.

15 Dicembre 2020 · Annapaola Ferri



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Domicilio a senza fissa dimora debitore – Cosa rischio?