Dimissioni per giusta causa della lavoratrice che non può svolgere la prestazione dovuta nei turni notturni per motivi di salute


Argomenti correlati:

Poiché per motivi di salute non riesco più a svolgere il turno notte impostomi dal datore di lavoro, che non mi ritiene idonea a prestare servizio durante i turni nel diurno, vorrei dimettermi per giusta causa vorrei sapere se potrei rientrare in questo e la procedura da seguire.

La lavoratrice deve rivolgersi al giudice del lavoro presso il tribunale territorialmente competente per chiedere che si accerti l’inidoneità della prestazione del turno notturno – a cui ella è obbligata dal datore di lavoro – a causa delle proprie condizioni di salute psicofisiche e che, una volta accertata tale inidoneità, si verifichi l’effettiva incompatibilità, rispetto all’organizzazione di lavoro aziendale, dell’inserimento della lavoratrice nelle turnazioni diurne.

Solo successivamente alla pronuncia giudiziale che accerti l’inidoneità della prestazione di lavoro in orario notturno e verifichi l’impossibilità o l’antieconomicità, per l’azienda, di collocare la lavoratrice in turnazione diurna, il datore di lavoro potrà licenziare la lavoratrice per giustificato motivo oggettivo o la lavoratrice potrà dimettersi per giusta causa.

27 Ottobre 2021 · Marzia Ciunfrini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Dimissioni per giusta causa della lavoratrice che non può svolgere la prestazione dovuta nei turni notturni per motivi di salute