Diffida ed intimazione di pagamento per parcheggio non pagato in Croazia (ticket evaso, interessi e spese di recupero stragiudiziale)

Mi è arrivata in questi giorni (febbraio 2021) da parte di un certo Studio Legale Lorenzon di San Donà del Piave (VE) una raccomandata A/R per “diffida e intimidazione di pagamento” di euro 329 entro 10 giorni dal ricevimento della raccomandata per un presunto mancato parcheggio a Pola Croazia nel 2012 (9 anni fa!). Io in Croazia ci sono stato 7-8 volte in 10 anni ma non ricordo di certo se 9 anni fa ho pagato o no un parcheggio. Se non l’ho fatto mi è certamente sfuggito che fosse a pagamento (i parcheggi li pago sempre). E comunque se anche fosse, dopo 9 anni mi chiedono 329 euro per un ticket non pagato? E con tanto di raccomandata da parte di uno studio legale dove minacciano di pignorarmi la macchina se non pago entro 10 giorni? A me sembra assurdo. A questo punto credo che non farò nulla, se hanno voglia di andare avanti vedrò il da farsi nel tempo. Un ticket di parcheggio non pagato 9 anni fa….se anche fosse così mica ho rapinato una banca o creato un incidente con feriti o fatto chissà che reato. Ma possono davvero andare avanti e farmi finire in un tribunale e pignorarmi un bene per questa cosa? Grazie per eventuali consigli e scusatemi lo sfogo. Albelore.

A quanto ci risulta la controparte possiede documentazione fotografica dell’ingesso/uscita del veicolo dal parcheggio a pagamento croato, con numero di targa in bella vista ed informazioni relative a data ed ora di ingresso/uscita: dai registri contabili della società non risultano, peraltro registrazione di inizio sosta e pagamento del ticket.

Insomma, se le prove documentali fossero autentiche e non artefatte, il destinatario della sosta abusiva non potrebbe certamente accampare pretesti del tipo “non ricordo se …”, oppure “ho sempre pagato le soste a pagamento …”.

La società che gestisce i parcheggi in Croazia si è rivolta ad uno studio legale inglese per il recupero dei crediti originati dal mancato pagamento dei ticket di sosta e lo studio inglese, a sua volta, ha incaricato lo studio legale italiano Lorenzon per diffidare e mettere in mora la clientela italiana rea di non aver ottemperato agli obblighi della sosta a pagamento effettuata in suolo croato.

La diffida inviata per raccomandata AR serve ad interrompere i termini di prescrizione del diritto del creditore di esigere il pagamento di quanto dovutogli e contiene, implicitamente, l’invito a contattare il mittente per regolare la questione, magari chiedendo uno sconto rispetto ai 329 euro che rappresentano l’importo allora dovuto e non versato, gli interessi legali maturati nei nove anni nonchè le spese legali di recupero stragiudiziale sostenute dal creditore per ottenere la riscossione coattiva del proprio credito.

Infatti, il creditore può esigere quanto gli è dovuto anche a distanza di anni, purché non ne siano passati dieci dalla data in cui si materializzò il credito: questo per dire che è anche inutile eccepire questioni del tipo “è passato tanto tempo da allora ….”.

Abbiamo così descritto la situazione al momento.

Più in là, qualora il debitore non ottemperasse alla diffida ricevuta, la società che al tempo gestiva il parcheggio a pagamento in Croazia, potrebbe rivolgersi al giudice nazionale per ottenere un decreto ingiuntivo europeo che verrà notificato al debitore inadempiente italiano. Quest’ultimo, eventualmente, potrà affidarsi ad uno studio legale croato per contestare l’entità della pretesa economica oppure, addirittura, dimostrare ad esempio che quell’anno, nel periodo in cui avrebbe dovuto trovarsi in Croazia, si trovava, in realtà, a bordo di una nave in crociera di piacere con a seguito il proprio veicolo, ottenendo l’annullamento del decreto ingiuntivo croato ed il rimborso delle spese legali (non tutte) sostenute.

Il decreto ingiuntivo europeo è un titolo esecutivo formatosi in uno dei Paesi membri dell’Unione Europea (ad eccezione della Danimarca) e può essere munito di una speciale formula che lo rende idoneo ad avviare un’azione esecutiva in uno qualsiasi degli altri Stati membri dell’Unione, Italia compresa.

Se, dunque, il debitore italiano resterà inerte, come è presumibile, allora il decreto ingiuntivo europeo verrà trasmesso allo studio legale Lorenzon, il quale potrà avviare, in Italia, qualsiasi azione esecutiva di riscossione coattiva (pignoramento ed espropriazione) nei confronti del debitore italiano inadempiente.

Il debitore italiano diffidato ha, concludendo, due strade possibili da percorrere: ignorare la diffida presumendo che essa sia, in realtà, solo un bluff, una sorta di pesca a strascico organizzata dalla controparte per ottenere i 329 euro pretesi dai debitori più pavidi e timorosi, convincersi che la controparte non porterà mai la questione in tribunale ed accettando le conseguenze di una eventuale azione esecutiva condotta dallo studio Lorenzon, insieme ad un sensibile aumento dell’importo dovuto, in quanto gravato dalle ulteriori spese legali sostenute dal creditore e dall’applicazione degli interessi moratori; oppure contattare lo studio Lorenzon, chiedere di prendere visione della documentazione che accerta la legittimità della pretesa, e, magari, perfezionare un accordo transattivo a saldo stralcio, chiudendo per sempre il contenzioso.

5 Febbraio 2021 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo dalla Croazia per ticket parcheggio non pagato
In data 12/03/15 mi è stato notificato, tramite raccomandata, un decreto esecutivo di pagamento richiesto da un avvocato croato e rilasciato da un notaio dello stesso paese riguardante un ticket di parcheggio non pagato nell'agosto 2010. Lo deduco dalla presenza della targa della mia autovettura e dal nominativo del presunto creditore: Pag II d.o.o. - 23250 Pag (HR) Ulica Zadarska 4, paese nel quale, faccio presente, non mi sono mai recato (!!!). L'atto è redatto in croato con traduzione asseverata. Mi chiedono di versare €. 187,34 entro 8 giorni decorsi i quali il decreto diverrebbe esecutivo con possibilità di pignoramento ...

Richiesta pagamento per ticket parcheggio non versato in croazia e decreto di esecuzione/ingiuntivo
L'altro giorno ho ricevuto a casa una raccomandata da uno studio legale croato ad oggetto ricorso per ottenere un decreto di esecuzione, riguardante un ticket di parcheggio non pagato nell'agosto 2011 mentre ero in vacanza lì. Ora mi chiedono di versare sul conto IBAN dell'avvocato un ammontare di 177 euro entro 8 giorni o di quasi 250 euro nel periodo successivo, cifra che andrebbe ad aumentare del 12% ogni anno! Se non dovessi pagare,stando al documento, ci sarebbe un'ipotetica "disposta d'esecuzione su tutti i miei beni mobili ed immobili". Cosa dovrei fare? ...

Decreto ingiuntivo per omesso versamento ticket parcheggio in croazia
Nell'agosto 2013 mi è stata notificata una contravvenzione per parcheggio non pagato nell'isola di Pag in Croazia. Accortomi della multa sul parabrezza ho deciso, dato che la violazione oramai era avvenuta, di continuare il mio giro turistico a piedi per il centro lasciando l'auto parcheggiata con contravvenzione annessa. Al ritorno la contravvenzione non c'era più! Di conseguenza, oltre a non essere riuscito a pagare puntualmente il parcheggio perché, sfortunatamente, quel giorno nessun esercente nei paraggi del parcheggio aveva da cambiare una banconota in monete, non ho potuto nemmeno pagare la multa. Ora, a distanza di quasi due anni, ad un ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diffida ed intimazione di pagamento per parcheggio non pagato in Croazia (ticket evaso, interessi e spese di recupero stragiudiziale)