Diffida e messa in mora ritenuta ingiustificata

Sono stato oggetto di una diffida e messa in mora da un parente che si era impegnato sulla parola a vigilare su due terreni di mia proprietà confinanti con i suoi, in quanto il sottoscritto essendo residente in altra Regione non è potuto recarsi in loco da circa due anni (motivi personali e successivo covid-19). In questo tempo non ha mai riferito di aver sostenuto delle spese che, con una regolare consegna di ricevute comprovanti, il sottoscritto avrebbe rimborsato. Nell’atto è stata citata solo la complessiva somma che afferma aver esposto e senza allegare nessuna ricevuta ne intende esibirle a comprova. Da premettere che detti terreni non erano da coltivare ma solo per taglio foraggio da terzi di erba che si rinnova stagionalmente. Ora, la mia deduzione e che con il diretto atto di diffida e messa in mora il sottoscritto ha poche scelte: aspettare una diffida ad adempiere dal Tribunale per dimostrare l’infondatezza dell’atto (con esborso di parcelle leali) o pagare la somma richiesta per poi procedere tramite legale per la consegna delle ricevute (ma in questo caso è sufficiente procurarsele cui non mancano i mezzi).
In pratica, comunque vada, dovrei sempre pagare l’importo richiesto.

L’articolo 1454 del codice civile specifica che la parte (presunta) adempiente può intimare per iscritto a quella (presunta) inadempiente di rispettare gli impegni assunti in un congruo termine (nella prassi quindici giorni), con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s’intenderà senz’altro risolto. Decorso il termine di 15 giorni senza che il contratto sia stato adempiuto, questo è risolto di diritto.

Dunque, il parente rinuncia ad assolvere agli impegni concordati anche verbalmente (vigilare su due terreni di proprietà del diffidato. confinanti con i suoi) se non gli viene riconosciuta la somma pretesa.

Che poi il tribunale, eventualmente adito dal diffidante in seguito al rifiuto del diffidato di corrispondere quanto richiesto, emetterà una sentenza favorevole , condannando il proprietario dei terreni a versare la somma richiesta, è tutto da dimostrare. Il diffidante dovrà provare che per l’attività di vigilanza prestata era stata concordato un corrispettivo e che le eventuali spese sostenute, giustificate da dettagliata fattura, non erano condizionate ad una preventiva approvazione del committente (il proprietario dei due terreni diffidato).

22 Marzo 2021 · Annapaola Ferri

Chiedo se possibile integrare i seguenti chiarimenti: nell’atto di diffida non sono stati inseriti gg. 15 di tempo ne una data a scadenza; pertanto, potrei decidere quando pagare qualora volessi? Inoltre, ammesso che faccia il versamento in forma tracciabile (bonifico/assegno circolare non trasferibile) dopo potrei chiedere formalmente, anche se già fatto con la risposta personale alla diffida, la consegna delle ricevute tramite entro gg. 15 e tramite legale?

L’articolo 1454 del Codice Civile che si occupa di diffida ad adempiere specifica che il termine antro il quale adempiere, se specificato, deve essere congruo ma non inferiore a 15 giorni.

L’atto notificato dalla parte incaricata di vigilare sui terreni sottintende implicitamente che il contratto verbale stipulato non prevedesse, per l’adempimento, l’esibizione delle fatture relative alle spese sostenute per la “vigilanza” dei terreni: in pratica l’adempimento avrebbe dovuto essere assolto a prima richiesta, sicché adempiere, vuole anche dire assecondare tale interpretazione e non condiziona la successiva ostensione delle fatture giustificative.

La cosa migliore da fare è rispondere alla diffida ad adempiere (sempre con raccomandata AR, possibilmente in piego) dichiarandosi disposto ad adempiere dietro l’esibizione delle fatture giustificative delle spese sostenute per la vigilanza, precisando che il contratto verbale concordato e stipulato fra le parti non prevedeva un corrispettivo, ma solo il rimborso delle eventuali spese sostenute per l’attività svolta, dietro presentazione delle fatture giustificative.

23 Marzo 2021 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diffida e messa in mora del debitore
La raccomandata A/R di diffida serve ad avvertire un soggetto che, se mettesse in pratica o continuasse a praticare determinate azioni, illegittime o indesiderate, ci si rivolgerà all'autorità competente. Esempi pratici: - continuano ad arrivare solleciti di pagamento quando avete già provveduto o a cui non siete tenuti; - vi vogliono attivare un servizio telefonico non richiesto; - vi tempestano di telefonate per vendervi prodotti/servizi. La diffida si struttura idealmente in tre parti. - Descrizione dell'accaduto. - Intimazione a non fare: non disturbare, non inviatemi illegittime richieste, non attivatemi nessun servizio non richiesto, ecc. - Avvertimento che in difetto si ...

Diffida e messa in mora del creditore
Avete letto bene, il titolo è proprio la messa in mora del creditore!!! Si può mettere in mora il creditore quando questi rifiuti, senza un legittimo motivo, di ricevere il pagamento offertogli dal debitore (ai sensi degli articoli 1208 e 1209 del codice civile), o nel caso in cui il creditore non compia gli atti (cosiddetti preparatori) necessari al ricevimento della prestazione dovuta dal debitore. Così, mentre la mora del debitore pone in essere un illecito civile siccome consistente nella violazione di un obbligo il quale produrrà una responsabilità in capo al debitore, nella mora del creditore (o mora accipiendi) ...

Comunicazione di diffida e messa in mora notificata alla figlia per un debito residuato da prestito dietro cessione del quinto sottoscritto dal padre defunto
In quanto erede (mio padre è morto nel 2014) mi è arrivata una diffida e messa in mora di 12 mila euro nei confronti di plusvalore spa in relazione al contratto di cessione del quinto dello stipendio stipulato a suo tempo dal de cuius: il credito in questione è stato oggetto di cessione in data 05 dicembre 2018. Dopo tutti questi anni questa mazzata alla vigilia di natale 2020 mi preoccupa tanto. Qualcuno puo dirmi cosa fare? Grazie mille a chi mi rispondera ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diffida e messa in mora ritenuta ingiustificata