Comunicazione di diffida e messa in mora notificata alla figlia per un debito residuato da prestito dietro cessione del quinto sottoscritto dal padre defunto

Argomenti correlati:

In quanto erede (mio padre è morto nel 2014) mi è arrivata una diffida e messa in mora di 12 mila euro nei confronti di plusvalore spa in relazione al contratto di cessione del quinto dello stipendio stipulato a suo tempo dal de cuius: il credito in questione è stato oggetto di cessione in data 05 dicembre 2018.

Dopo tutti questi anni questa mazzata alla vigilia di natale 2020 mi preoccupa tanto. Qualcuno puo dirmi cosa fare? Grazie mille a chi mi rispondera

La questione andrebbe esposta in maniera più precisa: il prestito per cessione del quinto dello stipendio (o della pensione) deve essere sempre accompagnato (per legge) da una polizza vita che comporti l’estinzione del debito residuo in caso di premorienza del cedente.

Evidentemente, si tratta solo di una ipotesi, suo padre si dimise dal posto di lavoro dipendente durante il rimborso del prestito dietro cessione del quinto, lasciando un residuo non coperto dal Trattamento di Fine Rapporto fino a quel momento maturato.

In ogni caso, per sapere se lei sarà obbligata in qualità di erede a rimborsare i 12 mila euro pretesi dalla cessionaria, bisogna innanzitutto capire se lei abbia accettato, esplicitamente o tacitamente, l’eredità lasciata dal genitore defunto.

Quindi bisognerebbe sapere se lei conviveva con il genitore defunto al momento del decesso oppure se lei abbia assunto atteggiamenti e/o azioni che un soggetto potrebbe compiere solo in qualità di erede, e che esprimono la volontà (tacita) di accettare l’eredità, come ad esempio: l’avvio di una causa giudiziale volta ad ottenere la divisione ereditaria, il pagamento di debiti ereditari, volture catastali eccetera.

Altrimenti, il diritto di rinunciare all’eredità può essere esercitato entro dieci anni dal giorno della morte del defunto.

In pratica: se la figlia del defunto non ha accettato l’eredità, ella può ancora rinunciare, evitando così l’obbligo di dover rimborsare il debito residuo rimasto a carico del proprio genitore defunto nel 2014.

24 Dicembre 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cessione del quinto e prestito delega con pignoramenti dello stipendio in coda - Posso rinnovare la cessione del quinto in scadenza?
Nel caso di Cessione 240,00 euro e delega di 350,00 euro con stipendio netto di 1200 euro,vengono notificati 2 pignoramenti, nel primo viene precisato che partirà a scadenza della delega e il secondo partirà alla fine del primo pignoramento o della cessione. Posso chiedere il rinnovo della cessione? O è stata bloccata in quanto richiedere il rinnovo comporterebbe lo slittamento dell'attivazione del secondo pignoramento? ...

Rinnovo cessione del quinto - L'assicurazione si è messa di traverso
Ho intenzione di rinnovare la cessione del quinto dello stipendio: la precedente è stata fatta 4 anni fa e ho un debito residuo di circa 9.500 euro più delega con debito residuo di circa 5000 euro. Ora la stessa banca con la quale ho entrambi i prestiti ha accettato di rinegoziarli entrambi e fare un unica cessione del quinto in 10 anni. Circa 20000 euro quindi con una liquidità di 5500 euro. Il problema l'ha creato l'assicurazione, non ha accettato di assicurare la cessione per dieci anni ma al massimo per 6 anni. In questo modo ovviamente non possiamo rinnovare ...

Diffida e messa in mora del creditore
Avete letto bene, il titolo è proprio la messa in mora del creditore!!! Si può mettere in mora il creditore quando questi rifiuti, senza un legittimo motivo, di ricevere il pagamento offertogli dal debitore (ai sensi degli articoli 1208 e 1209 del codice civile), o nel caso in cui il creditore non compia gli atti (cosiddetti preparatori) necessari al ricevimento della prestazione dovuta dal debitore. Così, mentre la mora del debitore pone in essere un illecito civile siccome consistente nella violazione di un obbligo il quale produrrà una responsabilità in capo al debitore, nella mora del creditore (o mora accipiendi) ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comunicazione di diffida e messa in mora notificata alla figlia per un debito residuato da prestito dietro cessione del quinto sottoscritto dal padre defunto