Diffida a movimentare conto corrente di appoggio titoli a firme disgiunte

Argomenti correlati:

C’è un dossier titoli con conto cointestato a nonna figlio e nipote a firme disgiunte: il figlio preleva regolarmente i dividendi azionari e gli interessi obbligazionari accreditati sul conto per versarli sul conto cointestato alla nonna (sua madre, con lui convivente) e a se stesso.

Questi prelievi avvengono in base a un accordo verbale fra i tre. L’accordo consiste nel godimento dei dividendi azionari e degli interessi obbligazionari da parte della nonna in cambio dell’impegno di conservare il capitale fino a scadenza.
Un bel giorno, il nipote invia alla banca diffida a movimentare il conto, impedendo così il prelievo dei dividendi azionari e degli interessi obbligazionari da parte degli altri soggetti.

Cosa possono fare nonna e figlio per tornare a movimentare il conto?

Nonna e figlio, nonostante la diffida ad essi destinata, possono liberamente continuare a movimentare il conto corrente di appoggio al deposito titoli associato, essendone cointestatari a firma disgiunta.

Sarà poi onere del nipote rivolgersi al tribunale perché accerti i motivi della diffida, ad esempio, affinché il giudice riconosca che il deposito titoli in questione sia formato da titoli esclusivamente al diffidante riconducibili e decreti, eventualmente, la restituzione delle somme indebitamente distratte (dividendi azionari, interessi obbligazionari, importo equivalente dei titoli eventualmente liquidati) da uno o entrambi i contestatari diffidati (nonna e figlio) a partire dalla data di notifica della diffida. Oppure pretenda che i dividendi azionari e gli interessi obbligazionari maturati ed accreditati sul conto corrente vengano a lui assegnati almeno nella misura di 1/3, accusando gli altri due cointestatari di appropriazione indebita.

Se, invece, la diffida è stata notificata anche alla banca, che ha ritenuto di cautelarsi disponendo il blocco di operatività del conto corrente, allora per sbrogliare la situazione è necessario rivolgersi ad un avvocato che possa agire nelle sedi competenti (Autorità Giudiziaria Ordinaria oppure Arbitro Bancario Finanziario) chiedendo, almeno, che i dividendi azionari e gli interessi obbligazionari vengano ripartiti e accreditati equamente a ciascuno dei tre cointestatari e non necessariamente capitalizzati sul conto corrente.

Di più non si può dire, non essendo state esposte le motivazioni del blocco del conto corrente addotte dal diffidante, né indicati i destinatari della diffida (banca e/o gli altri due cointestatari del conto corrente): in ogni caso gli accordi verbali, evidentemente conclusi fra i tre cointestatari, hanno poca rilevanza giuridica.

14 Settembre 2021 · Simonetta Folliero



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti