Differenze fra mercato libero e mercato tutelato





La proroga della chiusura del mercato tutelato permette ancora di cambiare fornitore per le bollette di luce e gas.





Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

In materia di bollette e tariffazione energetica, vorrei sapere quali sono le differenze principali tra mercato tutelato e mercato libero.

Potete aiutarmi?

La proroga della chiusura del mercato tutelato permette ancora di cambiare fornitore per le bollette di luce e gas: a partire da gennaio 2024, tutti i clienti dovranno passare al mercato libero, senza variazioni significative nelle bollette.

È ancora possibile cambiare fornitore per le bollette di luce e gas, poiché la chiusura del mercato tutelato è stata prorogata al 10 gennaio 2024.

Questa transizione coinvolge consumatori privati e microimprese, mentre per le PMI e le grandi aziende industriali il passaggio al mercato libero è già avvenuto all’inizio del 2021.

A partire da gennaio 2024, tutti i clienti del mercato tutelato dovranno effettuare il passaggio al mercato libero, che diventerà l’unico tipo di mercato energetico in Italia.

Il mercato tutelato luce e gas, noto come Servizio di Maggior Tutela, fornisce l’energia elettrica e il gas a costi stabiliti dallo Stato.

L’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti, è responsabile di stabilire le condizioni di fornitura, ma è importante sottolineare che i prezzi dell’energia elettrica vengono rivisti e aggiornati trimestralmente, mentre quelli del gas mensilmente, in base alle fluttuazioni dei prezzi di mercato delle materie prime.

Con questo tipo di servizio, i prezzi sono generalmente più elevati rispetto a quelli offerti dai fornitori privati, e il costo della bolletta risulta spesso imprevedibile o poco prevedibile.

Il mercato libero luce e gas si riferisce a un contesto più competitivo in cui i fornitori hanno la libertà di determinare le tariffe da offrire ai propri clienti.

Questa situazione crea un regime di concorrenza, permettendo alle aziende private di formulare offerte sempre più vantaggiose per convincere i consumatori finali a stipulare un contratto con loro.

Tuttavia, tutto il mercato rimane regolamentato dallo Stato e dall’Antitrust, garantendo che i contratti e le operazioni di fornitura siano trasparenti e corrette nei confronti dei cittadini.

A partire da gennaio 2024, con la chiusura del mercato tutelato, le utenze ancora collegate a questo regime dovranno passare a un fornitore presente nel mercato libero. È importante notare che le bollette di luce e gas non subiranno variazioni significative.

Cambierà solamente il nome del nuovo fornitore che emetterà le fatture, così come il prezzo al kWh e al metro cubo, che influenzano la spesa per l’energia e la materia prima.

La struttura della bolletta e tutte le voci al suo interno rimarranno invariate, compresi i dati della fornitura, la sintesi degli importi fatturati, il dettaglio dei consumi e le comunicazioni al cliente. Inoltre, il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero è gratuito, non comporta interruzioni del servizio o sostituzione dei contatori esistenti.

L’unico aspetto che cambia è il contratto con cui viene registrata la fornitura di luce o gas.

STOPPISH

12 Maggio 2023 · Andrea Ricciardi

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con i tuoi contatti Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it


Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo FAQ page – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Differenze fra mercato libero e mercato tutelato. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.