Dichiarazione redditi infedele di persona fisica – Quando scatta il penale?

Negli anni scorsi non ho sempre dichiarato tutto il reddito percepito, pur presentando puntualmente la dichiarazione dei redditi: ma sono preoccupato, perchè ho sentito dire che l’ultimo decreto fiscale ha abbassato le soglie di punibilità per chi ha evaso.

Io, diciamo, ho fatto ogni anno la cresta al massimo a diecimila euro di imponibile IRPEF. Rischio la galera?

In caso di dichiarazione infedele, la pena della reclusione passa, nel minimo, da 1 a 2 anni e, nel massimo, da 3 anni a 4 anni e 6 sei mesi: la soglie di punibilità del reato scatterà qualora il valore dell’imposta evasa sia superiore a 100 mila euro (non più 150 mila) e/o l’ammontare degli elementi attivi sottratti a imposizione sia superiore a 2 milioni di euro (anziché 3).

Mi sembra, dunque, che il massimo che potrà capitarle è un accertamento con conseguente, rilevante, sanzione tributaria. Ma niente arresti domiciliari (le carcere sono piene al momento e non ci sarebbe, comunque, posto per gli evasori).

3 Gennaio 2020 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quanto costa la sanzione per omessa o infedele dichiarazione dei redditi
Per omessi, insufficienti o ritardati versamenti diretti (saldo, acconto, periodici) la sanzione amministrativa è pari al 30% dell'imposta dovuta e non pagata. La sanzione è ridotta a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, se il versamento è effettuato entro 15 giorni. In caso di omessa dichiarazione dei redditi la sanzione amministrativa irrogata varia dal 120% al 240% delle imposte dovute, con un minimo di 258 euro. Se non sono dovute imposte, la sanzione ha un minimo di 258 euro ed un massimo di 1.032 euro. La sanzione è raddoppiabile per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili. In presenza ...

Reati tributati » Per la dichiarazione infedele scatta il sequestro del conto corrente anche basandosi su una mera presunzione fiscale
Scatta il sequestro del conto corrente per chi ha un alto tenore di vita ma è praticamente nullatenente per il fisco. Nell'ambito dei reati tributari, le presunzioni fiscali possono essere utilizzate dal giudice, in sede di convalida della misura cautelare, per ottenere il sequestro del conto corrente del contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 39460/14. Dura la vita per chi fa il nullatenente agli occhi del fisco ma, in realtà, ostenta ricchezza. Da quanto si evince dalla pronuncia citata, chi dichiara un reddito modesto, ma tiene comunque un elevato tenore di vita, con spese ...

Dichiarazione fiscale infedele e responsabilità penale dei soci amministratori di società in nome collettivo
Va innanzitutto premesso che le norme penali vigenti puniscono, per dichiarazione infedele, chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo od elementi passivi fittizi, quando, congiuntamente: l'imposta evasa é superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte, ad Euro cinquantamila; l'ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all'imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi fittizi, é superiore al dieci per cento dell'ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione. La sottoscrizione di una dichiarazione fiscale infedele da ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Dichiarazione redditi infedele di persona fisica – Quando scatta il penale?