Decreto ingiuntivo e possibilità di doppio pignoramento

Argomenti correlati: ,

Ho in corso un decreto ingiuntivo da settembre 2019 in attesa applicazione dal creditore (finanziaria) e non ancora inviati i 10 gg di rito. Per scarsità economica, ovviamente, non mi è possibile onorare il debito (poco più di 30 mila euro).

Godo di pensione, con già un pignoramento presso terzi di 1/5 da altra finanziaria, il cui residuo è di circa 3.000 euro.

Chiedo: nell’eventualità di una anticipata estinzione dell’intero residuo che grava sulla pensione, la finanziaria in “standby” può esercitare diritto di pignoramento eguale alla prima? Se positivo, e acceso il pignoramento, nell’evenienza dell’entrata di una somma di denaro ricavato dalla vendita di una proprietà la stessa potrà intervenire anche sulla somma della vendita?

Nel momento in cui la pensione non risulti gravata da prelievi riconducibili ad azioni esecutive, un nuovo creditore può procedere per ottenere, mensilmente, il 20% del rateo di pensione eccedente il minimo vitale, fino al soddisfacimento del credito azionato.

Il creditore può sempre scegliere quale bene del debitore aggredire, nell’ottica di minimizzare i tempi di rimborso di quanto gli è dovuto. Tuttavia, a fronte di un pignoramento effettuato, una volta che il giudice abbia assegnato al creditore procedente l’intero credito azionato – anche con un piano di ammortamento diluito nel tempo, come avviene con il pignoramento della pensione o dello stipendio e in assenza di eventi straordinari (dimissioni, licenziamento, decesso del debitore) che portino alla formazione di un credito residuo non soddisfatto – quel creditore non potrà avviare ulteriori azioni esecutive su beni sopravvenuti successivamente nella disponibilità del debitore già escusso (eredità, proventi derivanti dall’alienazione di beni immobili, vincite, eccetera), anche se pignorando tali beni il credito potrebbe essere rimborsato in tempi più brevi.

19 Giugno 2020 · Ludmilla Karadzic

Chiedo se con l’estinzione del modesto residuo del pignoramento esistente sulla pensione, sia poi fattibile contattare la finanziaria con decreto ingiuntivo in sospeso prospettando dell’1/5 libero; eventualmente tramite legale. Lo scopo sarà di iniziare il rimborso del debito cui, per l’intero, sarebbe impossibile e non avendo certezza di realizzare introiti.

Io, personalmente, mi insospettirei ad una simile segnalazione da parte del debitore o del suo legale: capirei che il debitore è in attesa di una sopravvenienza attiva e attenderei. Piuttosto, con ancora in corso il pignoramento sulla pensione, chiederei al creditore in possesso di decreto ingiuntivo, un piano di rientro dilazionato per evitare ulteriori azioni esecutive sulla pensione, una volta che il primo pignoramento verrà estinto.

19 Giugno 2020 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo per pignoramento della pensione
Ho un decreto ingiuntivo per finanziamento Agos pagato in parte: il debito è di circa 15000 euro e, purtroppo il garante è mia madre con pensione di 1400 euro. Chiedo quanto sarà tolto mensilmente dalla sua pensione? ...

Decreto ingiuntivo notificato e non opposto e pignoramento della pensione per mio padre - Quanto gli toglieranno?
Mio padre oggi ha ritirato un atto di pignoramento sulla pensione: sul documento c'è scritto che a giugno è stato notificato un decreto ingiuntivo che lui non ha mai ritirato. Era una raccomandata che si è dimenticato di ritirare. Ha 77 anni. Io abito lontano e nemmeno sapevo. C'è scritto che il decreto ingiuntivo è stato emesso il 16/07/2015 è notificato il 30/09/2015. In data 4/06/2018 hanno notificato l'atto di precetto di circa 1400 Euro. Vogliono pignorare la pensione. Ha già una rata di 50 per l'agenzia riscossione. Prende 1100 euro. Poi c'è scritto "1400 oltre interessi e spese successive, ...

Decreto ingiuntivo pignoramento in busta paga e conversione del pignoramento
Nel mese di settembre 2019 ho ricevuto un decreto ingiuntivo del giudice di pace per una somma di 3000 euro (vecchio debito non saldato di nove anni fa). Vorrei sapere quale è l'iter che seguirà e se mi verrà comunicato se ci sarà un pignoramento verso terzi, visto che non ho nulla di mio (sono in affitto, non ho la macchina, ho solo uno stipendio da dipendente). Un'altra domanda che vorrei porvi riguarda l'eventualità di poter pagare il debito residuo a pignoramento già attuato: sarebbe legalmente possibile? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decreto ingiuntivo e possibilità di doppio pignoramento