Decorrenza termini prescrizione credito vantato da Sviluppo Italia (ora INVITALIA)


Nel 2006 ho ottenuto un finanziamento da Sviluppo Italia sia in c/capitale che a fondo perduto, purtroppo dopo alcuni anni la società fu vittima di una truffa che la portò ad un grave dissesto finanziario e quindi a cessare l’attività: nel 2018 è stata notificata una cartella esattoriale al socio accomandatario. E’ stato presentato ricorso e dove per tutta una serie di errori di notifica, compreso anche quello relativo all’atto prodromico che ha generato la cartella, la cartella stessa è stata dichiarata nulla.

La domanda è: la data di decorrenza dei termini di prescrizione può essere decisa da INVITALIA in forza delle varie clausole inserite nel contratto, oppure esiste una certezza, attestata anche da delle sentenze, che decorre dal momento in cui è stata notificata ad esempio da INVITALIA una lettera di sollecito del pagamento di rate scadute?

Anche la data di notifica al debitore della cartella esattoriale, poi dichiarata nulla dai giudici per vizi di notifica, o, quantomeno, la data di presentazione del ricorso giudiziale da parte del debitore, potrebbe rappresentare il manifestarsi di una chiara volontà (nota al debitore stesso) di esigere il credito scaduto da parte di Invitalia e, pertanto, potrebbe essere presa a riferimento come data di decorrenza del termine di prescrizione decennale del diritto di esigere l’importo preteso.

22 Settembre 2020 · Ludmilla Karadzic



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decorrenza termini prescrizione credito vantato da Sviluppo Italia (ora INVITALIA)