Decadenza del piano di rateazione concordato con Agenzia delle Entrate


Nel 2019 ho ricevuto da Agenzia delle Entrate la richiesta di pagare circa 2 mila e 550 euro a conguaglio per imposte sui redditi a tassazione separata risalenti al 2015, avendo perso il lavoro e non disponendo della intera somma, ho optato per la rateizzazione in 8 rate.

Purtroppo sono riuscito a pagare solo 2 rate, la terza era in scadenza nel marzo 2020, da allora, non ho avuto nessun avviso da parte di Agenzia delle Entrate. Vi chiedo se è possibile riprendere il pagamento delle rate e nel caso in cui i pagamenti si fermassero allo stato attuale, quali sono le conseguenze che dovrò aspettarmi.

In caso di decadenza del piano di rateazione concordato con Agenzia delle Entrate (ad esempio, per omesso pagamento di una rata diversa dalla prima entro la scadenza della rata successiva) non originato, come nella fattispecie, da un avviso di accertamento immediatamente esecutivo, il debito viene iscritto a ruolo e successivamente affidato ad Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER ex Equitalia) con aggravio di sanzioni ed interessi sull’importo del debito residuo. Non c’è possibilità di riprendere il pagamento delle rate del piano di rientro concordato e non rispettato.

Tuttavia, con ADER potrà essere concordato un nuovo piano di rateazione e, se si è fortunati, c’è anche la possibilità di poter pervenire ad un accordo a saldo stralcio con condono delle sanzioni.

23 Marzo 2021 · Paolo Rastelli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decadenza del piano di rateazione concordato con Agenzia delle Entrate