Debito INPS lasciato dal de cuius – Uno dei coeredi non intende pagare

Argomenti correlati:

A tre eredi viene trasmesso dall’Inps un debito, di cui non conoscevano l’esistenza, lasciato (senza dolo) dal de cuius – Fermo restando che avendo accettato l’eredità compete a loro l’estinzione di detto debito, il problema è il seguente: uno degli eredi rifiuta di pagare e prende tempo, rischiando così sanzioni da parte dell’ente, mentre gli altri vogliono pagare. Possono quelli acconsenzienti (due su tre) pagare le loro due quote e ritenersi liberi da oneri o devono farsi carico anche della quota dell’erede reticente?

Per fortuna, l’obbligazione lasciata dal de cuius non è solidale: infatti, l’articolo 752 del codice civile stabilisce che i coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditariin proporzione delle loro quote ereditarie.

Il successivo articolo 754 del codice civile precisa che gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti e pesi ereditari personalmente in proporzione della loro quota ereditaria e ipotecariamente per l’intero. Il coerede che pagasse oltre la parte a lui incombente può chiedere agli altri coeredi la restituzione della parte con cui essi devono contribuire a norma dell’articolo 752.

Anche secondo l’articolo 1289 del codice civile, il creditore non può chiedere l’intera prestazione ad uno solo dei coeredi (o solo ad alcuni di essi) non sussistendo tra essi un rapporto di solidarietà.

Ricordiamo che, ai sensi dell’articolo 1292 del codice civile, l’obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all’adempimento per la totalità e l’adempimento da parte di uno libera gli altri.

21 Febbraio 2021 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti derivanti dall'eredità - Cosa fare se gli altri eredi non vogliono pagare i debiti del de cuius?
In eredità ho ricevuto una casa con altri eredi e dei debiti: tra gli eredi c'è uno in pignoramento e solo io e mia sorella siamo dipendenti rischiando il pignoramento; gli altri eredi non sono intenzionati a pagare la loro quota di debiti poiché consci di non rischiare alcun pignoramento. Abbiamo l'intenzione di vendere l'immobile. Vorrei sapere se è possibile, in seguito all'ipotetica vendita, suddividere il ricavato in due assegni: 1) il primo da intestare all'inps per coprire i debiti 2) il secondo per eventuale ricavo da spartire tra gli eredi. La mia situazione è particolare poiché ho intenzione di ...

L'erede che paga i debiti del de cuius ha diritto ad essere rimborsato da ciascuno dei coeredi
Eredità accettata con beneficio di inventario: tra i debiti ci sono mutui intestati al de cuius e caduti in successione. Le rate di detti mutui vengono pagate, successivamente alla morte dell'intestatario del mutuo, da uno degli eredi con denaro proprio (stipendio). Ora l'immobile su cui gravano i due mutui viene venduto a trattativa privata e con il ricavato dalla vendita si estinguono i debiti ereditari e resta un residuo da dividere tra gli eredi. Vorrei sapere: l'erede che ha pagato i mutui con il proprio denaro come fa materialmente ad ottenere la restituzione di quanto ha versato. ...

Il coerede che paga i debiti del de cuius e si oppone alla divisione dell'eredità
Vorrei chiedere se sia legittimo che, in caso di decesso di un parente, uno dei 4 eredi saldi arbitrariamente tutto il debito bancario del defunto chiedendone agli altri coeredi la restituzione pro quota più interessi maturati fino alla futura data di estinzione. Poiché l'erede che ha estinto il debito si oppone continuamente alla divisione testamentaria e gli altri coeredi non sono in condizione di saldare il debito pro quota, gli interessi aumentano continuamente ed alla fine tutta l'eredità sarà assorbita appunto dall'unico erede che ha pagato la banca. ...

Dove mi trovo?