Debito con recupero crediti di piccolo importo – Potrebbero aggredire casa?

Nel 1998 avevo in banca un conto corrente, sono andata in rosso e non ho potuto più pagare: da allora mi hanno mandato un paio di lettere. Parlando in confidenza con uno della banca mi ha detto che per importi così bassi gli costa più telefonare all’avvocato. Due anni fa però hanno ceduto il pacchetto dei crediti ad una società di recupero crediti. Mi hanno inviato la raccomandata con al richiesta di duemila euro.

Non ho lavoro, non ho redditi: ho una casa che ho ereditato. Secondo voi, per un importo del genere aggrediranno la casa?

Sicuramente le spese per l’iscrizione di ipoteca e per la successiva espropriazione, che interverrebbe dopo svariato tempo, non consigliano l’avvio di questo tipo di azione esecutiva per un importo così vile.

In ogni caso, qualora, un giorno, il creditore dovesse decidere di avviare un’azione esecutiva così temeraria ci sarà modo di rimediare. Per quel tempo potrebbe anche aver regolato la pendenza dopo aver trovato un posto di lavoro, ricevuto un’eredità o vinto la somma necessaria al “gratta e vinci”.

21 Febbraio 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Casa venduta all'asta per debito con banca - Una società di recupero crediti ci chiede l'intero importo senza considerare quanto incassato dal creditore con l'espropriazione
A causa di un periodo di crisi la piccola azienda di mio marito ha avuto difficoltà obbligandolo a richiedere un prestito personale alla banca a fronte di un impegno ipotecario della casa di proprietà dei suoi genitori (bifamiliare dove viviamo anche noi) e della mia personale firma a garanzia. Abbiamo un regime di divisione dei beni e io sono un'artigiana con partita iva. Purtroppo, malgrado gli sforzi non è riuscito a salvare l'azienda che è stata dichiarata fallita, dopodichè senza lavoro, onorare con regolarità il debito ci è risultato impossibile. L'anno scorso la casa è stata messa all'asta, nel frattempo ...

Espropriazione immobiliare e vendita all'asta della mia casa acquisita da una società di recupero crediti - Potevano procedere?
Hanno venduto con asta immobiliare un mio immobile con decreto di trasferimento dei primi di novembre 2016. Il 21 novembre 2017 una società di recupero crediti che ha acquistato il credito dalla banca fondiaria che aveva l'ipoteca sul bene venduto ha presentato un istanza ex art 41 t.u.b per ottenere dal giudice il pagamento, datosi che le somma pervenuta dall'asta non è stata ancora distribuita tra i vari creditori. Volevo sapere se è possibile avere promosso istanza dopo il decreto di trasferimento e se essendo loro una società di recupero crediti e non una banca potevano promuoverla. ...

Recupero crediti - minacce di iscrizione ipotecaria sulla casa già gravata da mutuo
A proposito della risposta precedente vorrei chiedere ancora se, quindi, possiamo aspettare tempi migliori per poter pagare quello che potremo, visto che ora purtroppo abbiamo l'acqua alla gola. Perchè, le confesso, che mi spaventano a morte questi personaggi, in quanto comunque, anche oggi, nonostante l'apparente gentilezza, la persona al telefono mi ha detto che la banca potrebbe procedere all'iscrizione di un'ipoteca sulla casa, ma io ho fatto presente che la casa è ipotecata per altri vent'anni a favore di una Banca alla quale stiamo pagando regolarmente, con mille difficoltà, il mutuo. Crede che questa frase sia stata un altro tentativo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito con recupero crediti di piccolo importo – Potrebbero aggredire casa?