Debiti e rinuncia eredità

Sono indebitato con Equitalia per cartelle di 10-15 anni or sono per una somma che probabilmente non riuscirò a coprire con il pignoramento del decimo dello stipendio, e una banca per una somma minore, ma comunque al momento non sanabile, poiché ho una famiglia da mantenere con una bimba di pochi mesi.

Poichè da tempo sono ammalato, vorrei in tutti i modi, se sfortunatamente dovessi passare a miglior vita prima del tempo, evitare che questi debiti ricadano su mia moglie (vivo in regime di separazione di beni e non ho nulla a me intestato) o mia figlia. C'è una possibilità legale per evitarlo? E' sufficiente la rinuncia all'eredità?

L'augurio sincero è che lei possa rimborsare tutto il debito verso la Pubblica Amministrazione, per la quale agisce Equitalia, attraverso il pignoramento mensile del decimo dello stipendio e, dopo, della pensione.

Ovemai, da qui a cent'anni, residuasse qualcosina del debito, i chiamati all'eredità (di solito moglie e figli) dovranno presentare rinuncia all'eredità (presso la cancelleria del Tribunale territorialmente competente) anche se non ci fosse massa ereditaria attiva: cioè la rinuncia va esercitata anche se il defunto non lascia patrimoni, beni mobili o immobili.

Se i chiamati all'eredità sono in possesso di beni ereditari (in pratica se convivono con il defunto) la presentazione va fatta entro tre mesi dal decesso. Altrimenti, la rinuncia all'eredità può essere effettuata fino alla prescrizione del diritto (10 anni): in altre parole, il chiamato all'eredità che non è in possesso di beni del debitore, se sollecitato dai creditori a rispondere dei debiti del defunto, ha dieci anni di tempo per rinunciare all'eredità.

Particolare attenzione va riservata, da parte dei chiamati all'eredità, a quella che viene definita tacita accettazione dell'eredità lasciata dal defunto debitore: ad esempio, utilizzare il veicolo intestato al defunto, chiedere l'estratto del conto corrente intestato al defunto, eccetera.

L'accettazione tacita dell'eredità consiste, in pratica, nel compimento di atti che presuppongono necessariamente la volontà di accettare e che il chiamato non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede.

15 febbraio 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...
Le norme su successioni ed eredità
Quando lo zio d'America passa a miglior vita, oltre a qualche lacrima si iniziano a fare i conti sull'ipotetica eredità che ci ha lasciato. Ma in Italia il tema delle successioni è molto complesso e legato a criteri antichi, adatti per regolare le società di un tempo. La normativa ruota ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
La successione – Capacità di ereditare, eredità giacente, accettazione e rinuncia dell'eredità
La morte estingue la capacità giuridica della persona e i diritti a essa inerenti (ossia i diritti personali) ma non i diritti patrimoniali, i quali dovranno essere perciò trasmessi ad altri. Il complesso di norme che regola tale trasferimento si chiama diritto ereditario o successorio. La successione ereditaria è un ...
Azione di riduzione per lesione della quota di legittima dell'eredità - eredità disponibile, eredità relitta e donatum
A tutela dell'interesse generale alla solidarietà familiare, l'ordinamento giuridico prevede che i più stretti congiunti del de cuius hanno il diritto di ottenere, anche contro la volontà del defunto e in contrasto con gli atti di disposizioni dallo stesso posti in essere, una quota di valore del patrimonio ereditario e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca