Debiti e recupero crediti

Sono un Italo-Afghano, ho vissuto e lavorato in Italia per 28 anni, a causa di crisi ho dovuto tornare nel paese di origine( Afghnestan ), sono stato un lavoratore autonomo, regolarmente ho chiuso attività , ma devo alle banche Italiane circa 50.000 Euro, mi sono scritto all'anagrafe dell'ambasciata Italiana,non ho niente ne in Italia ne in Afganestan da sequestrare, la cosa che mi preoccupa in Aghanestan per i debiti vai finire in galera, come che i debiti l'ho fatto in Italia volevo sapere .

1-Nel mio caso vige la legislatura Afgano o Italiano ?
2-Nel 2019 vado in pensione, cosa succede prenderanno un quinto del pensione o possono prendere tutto?

Buona giornata a tutti, grazie.

Cinquantamila euro di debiti non sono pochi, ma, se come immagino, i creditori sono più di uno, nessuna banca troverà conveniente avviare un'azione di recupero crediti nel paese d'origine in cui lei è ritornato a vivere. E, pertanto, escluderei qualsiasi remota attività dei creditori italiani che potrebbe in qualche modo nuocerle nel futuro.

Tanto più se, come lei riferisce, la situazione economica e patrimoniale attuale non è delle più floride.

Quando lei maturerà i requisiti per ottenere la pensione italiana, uno, due o tutti i creditori potranno chiederne ed ottenerne il pignoramento.

Quello che a lei interessa è sapere che il massimo pignorabile è il 20% dell'importo a cui ha diritto. Il numero di banche che si rivolgeranno al giudice potrà influenzare solo la durata del prelievo alla fonte, ma non l'importo del prelievo.

25 aprile 2014 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e cross bording transnazionale
Da un anno sono andata a vivere all'estero (fuori UE) per cercare altre possibilità, dopo una situazione economica difficile in Italia. Purtroppo ho dovuto utilizzare le mie carte di debito e credito italiane, acquistando merci per valore di 2.500 euro circa. La situazione comunque non è migliorata visto che in ...
Debito non pagato » come opporsi alle scorrettezze dell'addetto al recupero crediti
Quali sono gli strumenti di cui dispone il debitore per opporsi alle pratiche scorrette che gli addetti delle società di recupero crediti mettono spesso in atto per guadagnarsi la misera provvigione. Come reagire alle continue violazioni della privacy, ai reiterati comportamenti lesivi della dignità del debitore, alle richieste per interessi ...
Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
Recupero crediti - schemi di procedure giudiziali
Per porre una domanda sulle procedure di recupero crediti giudiziale per i debiti in scadenza, sul decreto ingiuntivo, sul precetto, sul pignoramento mobiliare ed immobiliare, sulle cause di sovraindebitamento, sul come uscire da una situazione di sovraindebitamento, sui debiti e su tutti gli argomenti correlati, vai al forum. Di seguito, ...
Recupero crediti e cessione – il factoring
Il factoring è una figura negoziale di matrice anglosassone. Con questo termine, si vuole indicare un particolare tipo di contratto con il quale un soggetto (che si chiama cedente) si impegna a cedere tutti i crediti presenti e futuri scaturiti dalla propria attività imprenditoriale ad un altro soggetto (il factor) ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca