Debiti di una srl con capitale non interamente versato – Passano al socio?

Ho avuto una SRL in cui ero unico amministratore, ove risulta versato solo una parte del capitale sociale: il mio ex commercialista non mi ha mai avvertito che dovevo versare il resto delle quote (nonostante i primi due anni io ho messo soldi in cassa per anticipo spese), inoltre ho poi trasferito l’azienda ad altre persone ma sempre il simpatico ex commercialista non ha mai effettuato il trasferimento delle quote.

Non mi sono accorto di nulla perché avevo fiducia in questa persona, ora i creditori si rivolgono a me come amministratore per debiti precedenti alla cessione del titolo e quote, nel frattempo la Srl è fallita e cancellata.

Il socio di una srl è patrimonialmente responsabile per i debiti della società, fino alla quota di capitale versata e fino a quanto ricevuto in sede di liquidazione.

Ne consegue che sicuramente i creditori possono esigere dal socio della srl la quota che non fu interamente versata nel capitale sociale.

5 Marzo 2020 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti di una società a responsabilità limitata - Può essere escusso il socio di fatto?
Srl unipersonale con socio unico, prestanome: in caso di fallimento può risponderne illimitatamente anche l'amministratore di fatto? Perché una srl media compagine mi deve una ingente somma e avendo capito chi è il vero gestore (e non la testa di legno) vorrei provare, se ci sono i presupposti, a farla fallire e chiedere il risarcimento al vero amministratore, anche se ho letto che essendo una srl unipersonale, la responsabilità patrimoniale per i debiti accumulati dal soggetto giuridico non si espande illimitatamente pure all'amministratore di fatto. ...

Debiti Equitalia di una sas - Quando e come scatterà una eventuale prescrizione?
Nel 2010 avevo una sas e io ero amministratore, mi arrivò una cartella Equitalia perchè dovevo pagare dei premi INAIL. Chiesi la rateizzazione e pagai solo le prime tre rate, poi a marzo 2011, ho ceduto le mie quote a mio fratello e a mia figlia (stupidamente), per cui mio fratello diventò accomandatario e mia figlia accomandante. A dicembre 2011 mia figlia cedette le sue quote a mio fratello (accomandatario) che diventò unico proprietario delle quote della sas. Mio fratello cercò invano di stabilizzare la situazione, ma non riuscì a pagare neanche una rata di Equitalia e così nel 2013 ...

Pignoramento dello stipendio di un amministratore o di un socio lavoratore per crediti di natura alimentare e pignoramento delle quote di una società a responsabilità limitata (srl)
Supponiamo che io abbia avuto alle spalle un lungo periodo da imprenditore (ditta individuale): supponiamo anche che io voglia trasformare la mia ditta individuale in una SRL, dove io divengo l´amministratore unico titolare al 100% per poter aumentare il giro di affari. A questo punto, non avendo alcuna pendenza, debito o contenzioni, vorrei tutelare la mia quota di SRL e ovviamente gli utili dinanzi a (A) eventuali alimenti da matrimonio (Dovrei sposarsi il prossimo anno) (B) pignoramento di quote da privati, Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), o altri. 1) A me hanno detto che se io ho uno stipendio ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti di una srl con capitale non interamente versato – Passano al socio?