Beni padre defunto

Circa un mese fà è deceduto mio padre, i cui unici beni lasciati sono un'autovettura e 2 armi da fuoco (regolarmente detenute).

Peraltro, il suo conto in banca presenta un passivo di qualche migliaio di euro (avendo il fido presso la banca).

Come mi conviene muovermi? Devo rinunziare all'eredità?

Attualmente vivo con mia mia madre, e loro avevano il regime della separazione dei beni.

Se faccio il passaggio di detenzione delle armi cado nell'accettazione dell'eredità, cos'come per l'autovettura?

Le conviene rinunciare all'eredità,sua madre essendo in comunione di beni, anche con la rinuncia, è obbligata comunque a corrispondere il 50% dei debiti contratti dal suo defunto padre con la banca. A meno che non riesca a dimostrare che il conto corrente serviva al coniuge defunto per esigenze e scopi del tutto estranei ai bisogni familiari.

Per contro, in quanto comproprietaria, potrà continuare ad utilizzare l'automobile del defunto coniuge fino a quando sarà in grado di circolare e non sarà necessario rottamarla.

Le armi sono oggetti evidentemente personali del debitore. Non rientrano nella comunione e vanno lasciate nella disponibilità dei creditori.

10 dicembre 2011 · Giorgio Valli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...
Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Nessuna azione esecutiva promossa dai creditori del defunto è possibile contro chi accetta l'eredità con beneficio di inventario
Una volta trascritta l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario non è più possibile l'esecuzione individuale contro chi ha accettato con beneficio di inventario e sui suoi beni. Tanto alla luce del condiviso principio, affermato dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui l'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario non ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca