I debiti del de cuius si trasmettono agli eredi pro quota o solidalmente?

Sono coerede di un immobile insieme ai miei 4 fratelli ed a mia madre. Poiché mio padre ora defunto ha ingenti debiti con agenzia delle entrate, che non riusciremmo ad estinguere, la mia domanda è: può agenzia delle entrate pignorare i conti correnti di ciascun erede oppure di un solo erede per rivalersi sul debito del defunto? Premetto che sono trascorsi già 10 anni dalla morte di mio padre.

I sei eredi sono adesso debitori, ciascuno per una quota di 1/6, dell’importo che il defunto doveva ad Agenzia delle Entrate Riscossione: per invocare la prescrizione devono essere passati dieci anni, non dal decesso del genitore, bensì dalla data di notifica dell’ultima cartella esattoriale o accertamento agli eredi.

La Corte di cassazione, con la sentenza 1479/1977, ha chiaramente precisato che gli eredi dell’originario debitore sono obbligati a soddisfare i debiti ereditari esclusivamente pro quota, e cioè in proporzione delle rispettive quote ereditarie; essi, pertanto, non possono essere condannati al pagamento solidale di tali debiti (ovvero non si può pretendere da un solo erede il pagamento dell’intero importo a debito).

28 Dicembre 2020 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avviso di accertamento dell'agenzia delle entrate agli eredi del debitore
L'Agenzia delle entrate ha inviato un avviso di accertamento intestato agli eredi per debiti tributari di mio padre deceduto nel 2012 (avviso emesso per mancato pagamento tasse sui redditi percepiti da mio padre dalla snc, anno d'imposta 2010). L'eredità di mio padre è costituita da una liquidazione della quota parte della sua partecipazione in una snc e siccome la snc è ancora in liquidazione gli eredi non hanno ricevuto niente. Ora l'agenzia delle entrate per il pagamento dell'avviso di accertamento aggredisce prima il patrimonio del de cuius (cioè la partecipazione nella snc) oppure il patrimonio in seguito all'accettazione dell'eredità è ...

Azione di riduzione per debiti del de cuius con Agenzia delle Entrate - Per quantificare il debito esattoriale basterà l'avviso di accertamento notificato impersonalmente e collettivamente agli eredi presso l'ultimo domicilio del de cuius
Mi hanno citato in giudizio per la lesione della quota di legittima, adducendo come debiti del de cuius una attestazione dell'agenzia delle entrate dove si attesta che il de cuius non aveva presentato la dichiarazione dei redditi. Finché non arriveranno le cartelle esattoriali definitive, quei debiti non si potranno includere nel calcolo dell'asse ereditario. Giusto? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic I debiti del de cuius si trasmettono agli eredi pro quota o solidalmente?