Debiti tributari e contributivi amministratore srl – Cosa si rischia?

Mio zio è amministratore di una srl e negli ultimi mesi causa poco lavoro non ha pagato IVA e alcuni contributi dei dipendenti: ha sempre pagato loro gli stipendi ma i contributi non è riuscito.
Il debito che ha con INPS è di circa 150 mila euro e per l’IVA si parla di circa 180 mila euro. Lui ha la prima casa intestata c è rischio che gliela pignorino o non è possibile?

Sarebbe ora di mettere in liquidazione questa bad company: l’articolo 36 del DPR 602/1973, stabilisce che gli amministratori in carica all’atto dello scioglimento della società che non adempiono all’obbligo di pagare, con le attività della liquidazione, le imposte dovute per il periodo della liquidazione medesima e per i periodi anteriori, rispondono in proprio del pagamento delle imposte se non provano di aver soddisfatto i crediti tributari anteriormente all’assegnazione di beni ai soci o associati, ovvero di avere soddisfatto crediti di ordine superiore a quelli tributari. Tale responsabilità è commisurata all’importo dei crediti d’imposta che avrebbero trovato capienza in sede di graduazione dei crediti.

Sempre lo stesso articolo dispone che gli amministratori che nel corso degli ultimi due periodi di imposta precedenti alla messa in liquidazione, abbiano assegnato ai soci beni di proprietà della società ovvero abbiano occultato attività sociali anche mediante omissioni nelle scritture contabili rispondono in proprio dell’omesso pagamento delle imposte dovute. Tale responsabilità è commisurata all’importo dei crediti d’imposta che avrebbero trovato capienza senza i conferimenti effettuati ai soci nonché senza le omissioni e gli occultamenti effettuati nelle scritture contabili.

Questo per quel che riguarda la responsabilità civile dell’amministratore. C’è poi l’aspetto riguardante la responsabilità penale.

Per quanto riguarda l’imposta sul valore aggiunto (IVA) e l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), in caso di dichiarazione annuale omessa, se l’imposta evasa è superiore a 50 mila euro (soglia di punibilità) si rischiano da 18 mesi a 4 anni di reclusione.

Per l’IVA, se l’imposta dovuta e non versata (in base alla dichiarazione presentata non infedele) supera la soglia di 250 mila euro, la pena prevista varia dai 6 mesi a 2 anni di reclusione.

In riferimento all’IRPEF e all’imposta dovuta e non versata (in base alla dichiarazione presentata non infedele), il reato si configura solo per l’omesso versamento delle ritenute d’acconto, con soglia di punibilità pari a 150 mila euro e comporta una pena detentiva che varia da un minimo di sei mesi ad un massimo di 24 mesi.

Venendo alle dichiarazioni presentate, ma infedeli, di IVA e IRPEF (in pratica, quando sono stati riportati elementi attivi inferiori a quelli effettivi e/o elementi passivi superiori a quelli effettivi o addirittura inesistenti) la soglia di punibilità scatta se l’imposta evasa supera i 150 mila euro; la pena detentiva varia da 1 a 3 anni.

L’illecito penale contributivo sussiste solo per il datore di lavoro che omette di versare le ritenute previdenziali ed assistenziali operate sulle retribuzioni corrisposte ai propri dipendenti. L’omesso versamento deve superare i 10 mila euro (in un periodo di imposta): la sanzione penale prevista consiste nella reclusione fino ad un massimo di 36 mesi (oltre a sanzioni amministrative pecuniarie accessorie).

23 Gennaio 2020 · Giorgio Valli

L’unica parte che non ho capito è se essendo mio zio amministratore unico di una srl chr ha contratto debiti inps di circa 150 mila euro (non ha pagato contributi ai lavoratori) e mancato versamento Iva per circa 180 mila euro possono pignorargli la prima casa?

Se, come si ipotizza, il debito è di tipo esattoriale (debito verso la Pubblica Amministrazione) la casa in cui il debitore inadempiente risulta residente non può essere espropriata. L’Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) può solo iscrivere ipoteca sull’immobile.

23 Gennaio 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Amministratore unico di SRLS piena di debiti - Cosa succede mettendo in liquidazione la società?
Ho aperto da 7 mesi un negozio in franchising, per aprirlo ho avuto accesso al microcredito commerciale per una somma di 25 mila euro, ho pagato fino ad ora tutto quanto, comprese le rate del microcredito, attualmente però ho una forte crisi di liquidità e non riesco a pagare più niente. Se metto la società in liquidazione non potendo più pagare la rata del microcredito cosa mi può succedere? Io non ho più soldi, e non so più veramente cosa fare. Non ho nulla intestato a me, vivo ancora con mia madre. ...

Cosa rischia un socio accomandatario se la sas chiude per debiti?
Sono un socio accomandatario di una sas, ho 2 soci accomandanti e vorrei sapere sui debiti e sul mio patrimonio personale: se la nostra società chiude o fallisce, dei debiti ne risponde la società? E poi, eventualmente, se il debito non viene estinto, aggrediscono il mio patrimonio personale, ovveropatrimonio casa macchina e soldi che ho sul mio conto corrente? ...

Azione di regresso da parte di socio accomandante per debiti tributari sociali
A causa di debiti tributari contratti da una sas, ad ogni socio è stata notificata una cartella esattoriale. in seguito al mancato pagamento della seguente cartella, è stata intrapresa, da parte dell'ente di riscossione, una procedura esecutiva nei confronti di un solo socio accomandante. il suddetto socio accomandante, tramite rottamazione, ha provveduto al pagamento del'intero debito. Nel frattempo, la s.a.s. è fallita. A questo punto, il socio che ha pagato l'intero debito, può esercitare l'azione di regresso nei confronti degli altri soci? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti tributari e contributivi amministratore srl – Cosa si rischia?