Debiti del genitore con Agenzia delle Entrate – L’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario è una possibile tutela per l’erede

Mio padre ha un grosso debito con AdE (credo superi i 100 mila euro) ed ha lasciato in eredità ai suoi 5 figli un immobile del valore di 400 mila euro circa che è ancora indiviso ma che è abitato da uno dei miei fratelli: volevo chiedere allo scadere dei 10 dalla morte di padre, Agenzia delle Entrate per estinguere il debito potrebbe attaccare il patrimonio personale degli eredi (intendo conti correnti dei singoli figli)? O si limiterebbe ad attaccare questo immobile perché ancora indiviso? Come posso tutelarmi? Non voglio ritrovarmi senza soldi per debiti non miei.

Con l’accettazione beneficiata, si mantengono distinti il patrimonio del defunto da quello dell’erede, con l’importante conseguenza che l’erede non sarà tenuto al pagamento dei debiti ereditari oltre il valore dei beni che gli sono pervenuti dall’eredità: ciò è rilevante perché egli potrà estinguere i debiti ereditari solo con l’attivo dell’asse ereditario, senza intaccare il proprio patrimonio.

11 Febbraio 2020 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito con Agenzia delle Entrate - Problema con immobile di proprietà del de cuius caduto in successione
Mio padre, deceduto, aveva un grosso debito con Agenzia delle Entrate ed era anche proprietario di un immobile del valore di 500-600 mila euro (attualmente però ancora indiviso tra noi figli). Poiché non voglio che Agenzia delle entrate un domani mi attacchi personalmente, essendo io intestataria sia di un conto corrente che di vari beni mobili, volevo sapere se mi convenga effettuare una rinuncia o c'è la possibilità magari che agenzia decida di ipotecare direttamente l'immobile indiviso senza attaccare personalmente i conti correnti degli eredi. ...

Accettazione con beneficio di inventario - prescrizione debiti non soddisfatti
Se accettassi l'eredità di mio padre con beneficio di inventario e, dopo l'inventario, i debiti risultassero essere superiori ai beni, i creditori di mio padre non potrebbero rivalersi sui miei beni. Ci sarebbe però una parte di debito residuo che non potrebbe essere soddisfatto. In tal caso, esistono dei termini, a partire dalla pubblicazione dell'inventario, entro i quali il debito residuo andrebbe prescritto? Oppure, se i creditori (nella fattispecie equitalia) continuassero a inviare solleciti di pagamento, il debito residuo non andrebbe in prescrizione? Se il debito residuo non andasse in prescrizione, i miei figli lo erediterebbero a loro volta alla ...

Debiti ed eredità - Accettazione con beneficio di inventario o rinuncia a favore dei figli
Ho ereditato un'immobile alla morte di mio padre che sto cercando di vendere: un mio creditore, tramite giudice, mi ha intimato di decidere l'accettazione o meno dell'eredità entro un mese. Posso rifiutare l'eredità a favore dei miei figli? In tal caso, l'immobile può essere ancora aggredito? Oppure se io, accettando l'eredità, trovassi un acquirente sarebbe perseguito a sua volta? E se vendessero i miei figli? Mi auguro di essere stata chiara e comunque in sintesi: fino a che livello un immobile può essere aggredito? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti del genitore con Agenzia delle Entrate – L’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario è una possibile tutela per l’erede