DAZN: cambio formati abbonamento e aumenti – Cosa sta succedendo?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Avevo stipulato un contratto mensile con DAZN per vedere le partite della serie A, a 29,99 euro al mese, ma lo dividevo con un mio stretto amico e ciò ci consentiva di ammortizzare i costi: dalla prossima stagione, a causa degli aumenti e del cambio di rotta dell’azienda ciò non sarà più possibile.

In sostanza, cosa sta accadendo?

La stagione 2021-22 di Serie A si è chiusa da poco, ma non manca molto all’inizio del campionato 2022-23, che sarà anticipato rispetto al solito per via dell’interruzione (da novembre a inizio gennaio) legata ai mondiali in Qatar: le prime partite si disputeranno infatti sabato 13 agosto 2022.

E anche a questo giro per poter vedere tutta la Serie A bisognerà affidarsi allo streaming di DAZN.

Oltre ai problemi legati alla connessione, l’altra grande questione che ha tenuto banco nel corso dell’ultimo anno è stato l’utilizzo contemporaneo dello stesso abbonamento a DAZN su due dispositivi diversi e connessi a reti differenti.

DAZN, infatti, aveva provato già nel mezzo della stagione passata a cambiare le regole del gioco in corsa, sostenendo che l’utenza facesse un “uso scorretto” della possibilità offerta, ma alla fine le condizioni sono rimaste invariate.

Per la Serie A 2022-23, però, come ampiamente pronosticato le cose cambieranno, e ora l’azienda ha fatto sapere come: gli utenti hanno cominciato a ricevere una comunicazione ufficiale via mail che esplicita la strategia in via di adozione.

L’offerta di DAZN a partire dalla prossima stagione di Serie A si strutturerà in due diversi pacchetti: quello “standard”, dal costo di 29,99 euro mensili, consentirà la visione dei contenuti solo su un dispositivo, o su due dispositivi ma connessi alla medesima rete.

A partire da settembre 2022 (e dunque non dall’inizio esatto della stagione) verrà introdotto però anche un pacchetto “premium”, denominato DAZN PLUS, da 39,99 euro mensili: questo abbonamento consentirà invece di utilizzare l’account contemporaneamente su due dispositivi differenti connessi a reti diverse.

Da contratto, tuttavia, questo tipo di utilizzo è vincolato al fatto che entrambi gli utilizzatori appartengano allo stesso nucleo domestico (stessa rete wi-fi).

In totale, su DAZN PLUS (dispositivo fisso) si potranno registrare fino a sei dispositivi (contro i due del piano standard), ma come detto la fruizione contemporanea dei contenuti su reti diverse sarà limitata ad un massimo di due dispositivi. Mentre per il dispositivo mobile sarà addirittura limitata ad un dispositivo.

Ecco la comunicazione ufficiale DAZN: a partire dal 2 Agosto 2022 introdurremo delle modifiche alle Condizioni di Utilizzo e alla Carta dei Servizi.

Vogliamo sin da ora anticiparti in maniera sintetica le principali novità in essere da tale data.
Il prezzo del tuo abbonamento non subirà variazioni, rimanendo a 29,99€ al mese.

Dal 2 Agosto 2022 ti sarà possibile registrare fino a due dispositivi all’APP DAZN e potrai guardare i nostri contenuti in contemporanea da entrambi i dispositivi se connessi alla rete internet della tua abitazione ( cavo o wi-fi: fibra, xDSL, FWA). Potrai comunque sempre utilizzare DAZN in mobilità ma non mentre viene utilizzato l’altro dispositivo registrato. L’account DAZN è personale e non può essere condiviso. Solo chi vive con te può usare il tuo account DAZN, secondo le modalità prescritte. A partire dal 2 agosto se vorrai potrai scegliere il nuovo piano di abbonamento DAZN PLUS, al costo di 39,99 euro al mese, che ti permetterà di registrare fino a sei dispositivi e guardare i nostri contenuti in contemporanea da due dispositivi tra quelli registrati anche se non connessi alla rete internet della tua abitazione. A partire dal 2 Agosto potrai aderire in autonomia al piano di abbonamento DAZN PLUS accedendo all’area “Il Mio Account” sul sito dazn.com. All’offerta DAZN PLUS si applicheranno le Condizioni di Utilizzo DAZN PLUS in vigore dal 2 agosto 2022, disponibili cliccando qui di seguito su “Condizioni di Utilizzo DAZN PLUS”.

Intanto, mentre molti consumatori annunciano le disdette, Il Codacons ha presentato un esposto all’Antitrust e all’Autorità delle Comunicazioni in merito ai rincari tariffari disposti da DAZN per il campionato di calcio 2022/2023.

Lo rende noto l’associazione dei consumatori, evidenziando come si chieda “inoltre ad Antitrust e Agcom di accertare il rispetto delle informazioni rese da DAZN in merito al diritto di recesso da parte degli utenti già abbonati al servizio nell’ambito delle comunicazioni sui rincari tariffari inviate dalla società ai propri clienti, sanzionando qualsiasi violazione in materia”.

13 Giugno 2022 · Giovanni Napoletano



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic DAZN: cambio formati abbonamento e aumenti – Cosa sta succedendo?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!