Datio in Solutum » Dazione in pagamento (o prestazione in luogo dell’adempimento) – L’atto può essere oggetto di azione revocatoria ordinaria?

Per estinguere un debito vorrei trasferire la proprietà di un immobile al creditore: gradirei gentilmente sapere se altri creditori possano intraprendere azione revocatoria ordinaria. Preciso che non sono fallita e che quindi non sono tenuta alla par condicio dei creditori.

Con la Datio in Solutum (altrimenti conosciuta in italiano come dazione in pagamento o prestazione in luogo dell’adempimento) il debitore propone ed il creditore accetta di ricevere una prestazione diversa da quella originariamente prevista (nella fattispecie la proprietà di un immobile in luogo di denaro).

Con la datio in solutum, l’obbligazione si estingue mediante l’effettiva esecuzione della prestazione sostitutiva, nella fattispecie il trasferimento al creditore di un immobile di proprietà del debitore.

Alla domanda della lettrice risponde l’articolo 2901 del codice civile (condizioni per l’ammissibilità dell’azione revocatoria ordinaria) quando, al comma 3 stabilisce che non e’ soggetto a revoca l’adempimento di un debito scaduto.

3 Dicembre 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Effetti dell'azione revocatoria ordinaria dopo il primo grado di giudizio
Desidero sapere quali azioni può intraprendere il creditore vittorioso nella sentenza di primo grado della revocatoria ordinaria ed in attesa degli altri due gradi di giudizio, se il debitore dovrà lasciare l'abitazione oggetto della revocatoria ancor prima dei successivi gradi giudizio. ...

L'azione revocatoria ordinaria può essere esercitata anche se il bene alienato dal debitore è ipotecato per l'intero suo valore
Le condizioni per l'esercizio dell'azione revocatoria ordinaria consistono nell'esistenza di un valido rapporto di credito tra il creditore che agisce in revocatoria e il debitore disponente, nell'effettività del danno, inteso come lesione della garanzia patrimoniale a seguito del compimento da parte del debitore dell'atto traslativo, e nella ricorrenza, in capo al debitore, ed eventualmente in capo al terzo, della consapevolezza che, con l'atto di disposizione, venga a diminuire la consistenza delle garanzie spettanti ai creditori. L'esistenza di un'ipoteca sull'immobile del debitore, a prescindere dalla consistenza della garanzia ipotecaria e, dunque, anche qualora essa si presenti di entità tale da eventualmente ...

Accoglimento dell'azione revocatoria promossa dal creditore - Il debitore può essere sottoposto ad azione esecutiva o bisogna attendere il passaggio in giudicato della sentenza?
Vorrei gentilmente sapere se il creditore vincitore in primo grado di un giudizio di revocatoria per dare corso al pignoramento e all'espropriazione forzata deve attendere il terzo grado di giudizio o può farlo immediatamente dopo la sentenza di primo grado. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Datio in Solutum » Dazione in pagamento (o prestazione in luogo dell’adempimento) – L’atto può essere oggetto di azione revocatoria ordinaria?