Credito a sofferenza in Centrale Rischi della Banca d’Italia passato a perdita e ceduto a terzo vigilato da Banca d’Italia


Argomenti correlati:

Per quanto tempo può essere mantenuto segnalato in centrale rischi banca d’italia, un credito passato a perdita? A chi si deve chiedere la cancellazione e secondo quale legge si può ottenerla?

Se il credito in sofferenza non viene ceduto o viene ceduto ad un soggetto vigilato da banca d’Italia, la segnalazione può permanere vita natural durante fino a quando il debitore non provvede a regolare la propria posizione.

La CR banca d’Italia è una Centrale Rischi pubblica con lo scopo di raccogliere informazioni sull’indebitamento di sistema, e non un Sistema di Informazione Creditizia (SIC) privato e quindi soggetto al Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti stipulato, con la mediazione dell’Autorità per la tutela della privacy, e sottoscritto da ABI (Associazione Bancaria Italiana), Assofin (Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare), Assilea (Associazione Italiana Leasing), da alcune Associazioni dei Consumatori e dai Sic di CRIF, Experian e CTC.

11 Maggio 2021 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Credito a sofferenza in Centrale Rischi della Banca d’Italia passato a perdita e ceduto a terzo vigilato da Banca d’Italia