Credito in sofferenza censito nella Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia – Quanto tempo permane la segnalazione?


L’appostazione a sofferenza del credito insoddisfatto segnalato in CR Banca d’Italia indica che il creditore ritiene che il prestito non verrà rimborsato





Risulta un mio record in CR di BankItalia come sofferenza: Ho avuto dei problemi con Barclays e con Intesa SanPaolo in passato (per un totale di 3500 euro), questi hanno ceduto il credito alla società “MB Credit Solution” rispettivamente nel 2013 e nel 2011. Vorrei porvi qualche domanda:

1) Ho letto in giro per il web che dopo il passaggio del credito a perdita la posizione non dovrebbe essere più aggiornata e quindi non più visibile dopo 3 anni dal passaggio a perdita. Se è giusto quanto sopra, posso chiedere che tale record venga eliminato da CR perchè non dovrebbe esserci?

2) Se pago la società che possiede il credito nei miei confronti e riesco ad ottenere una liberatoria dove loro non hanno più nulla a pretendere da me, posso con tale liberatoria sperare di ottenere un mutuo cointestato o al massimo fare da garente a mia moglie nella richiesta di mutuo? (ho avuto altri piccoli prestiti al consumo, regolarmente pagati nel frattempo)

L’appostazione a sofferenza del credito insoddisfatto segnalato in Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia indica che il creditore ritiene che il prestito non verrà rimborsato dal debitore: già questa valutazione consente di portare a perdita di bilancio la posizione, ma non estingue il debito e non spegne il rinnovo della segnalazione se la differenza fra l’importo passato a perdita e l’importo utilizzato è pari o superiore a 250 euro.

In pratica, l’intermediario smette effettivamente di segnalare il debito alla CR nel mese in cui esso è stato pagato integralmente oppure nel mese in cui esso è stato ceduto a soggetto non vigilato in Banca d’Italia: perché se il cessionario è un intermediario vigilato dalla banca d’Italia, per la segnalazione in CR non c’è soluzione di continuità.

Una volta che il credito in sofferenza è stato ceduto a intermediario non vigilato da Bankitalia, oppure è stato saldato dal debitore (o, ancora, è intervenuto un accordo a saldo stralcio con rinuncia al debito residuo ai sensi dell’articolo 1236 del codice civile), allora la segnalazione resta visibile in CR per 36 mesi a partire dall’ultima segnalazione.

In quest’ultimo periodo è molto difficile che possa essere concesso un prestito al debitore inadempiente segnalato in CR o a chi presenta come garante un debitore inadempiente segnalato in CR.

18 Maggio 2021 · Ornella De Bellis


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Credito in sofferenza censito nella Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia – Quanto tempo permane la segnalazione?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.