Convivenza tra amici costituisce un nucleo familiare?

In sede di richiesta di ISEE mi viene comunicato che la convivenza con un’altra persona, non di legame affettivo, viene comunque considerata come NUCLEO FAMILIARE, è corretto?

La questione è un pochino più articolata: quando due soggetti richiedono la registrazione anagrafica presso la stessa unità abitativa possono chiarire all’ufficiale d’anagrafe che sono legati da vincoli di parentela o affettivi, che intendono costituire un’unione civile o una convivenza di fatto. In questa ipotesi (soggetti legati da vincoli di paretela o affettivi, soggetti uniti civilmente o coppia di fatto) l’ufficiale d’anagrafe crea una sola scheda anagrafica includente i due soggetti che, di qui in avanti, compariranno nello stesso stato di famiglia.

Oppure, i due soggetti possono dichiarare che fra loro non intercorrono legami di parentela o affettivi, che non intendono costituire un’unione civile (se dello stesso sesso) o una coppia di fatto (se di sesso diverso) e che il titolare della proprietà o del contratto di locazione, o del diritto di abitazione dell’unità abitativa accoglie l’altro per spirito di ospitalità temporanea riconducibile a ragioni di lavoro, di cura, assistenza, o altro del secondo soggetto. In questo scenario, l’ufficiale d’anagrafe dovrà autorizzare la creazione di due distinte schede anagrafiche, seppur riferite alla medesima unità abitativa, e ciascuno dei due soggetti avrà un proprio esclusivo stato di famiglia.

E può accadere ancora che i due soggetti non dichiarino nulla, l’ufficiale d’anagrafe non ponga alcuna domanda e i due soggetti vengano inclusi, per default, nello stessa famiglia anagrafica.

E’ questa la situazione in cui due soggetti, senza alcun legame affettivo, risultando inclusi nella stessa famiglia anagrafica (quindi nello stesso stato di famiglia) entrano a far parte, di conseguenza, del medesimo nucleo familiare.

6 Aprile 2019 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ai fini ISEE un soggetto che si trova in convivenza anagrafica in strutture di assistenza è considerato nucleo familiare a sé stante, a meno che non sia coniugato oppure risulti a carico fiscale di altri
Ai fini ISEE un soggetto che si trova in convivenza anagrafica in strutture di assistenza (art. 5 DPR. 223/1989 - agli effetti anagrafici per convivenza si intende un insieme di persone normalmente coabitanti) è considerato nucleo familiare a sé stante, a meno che non sia coniugato oppure risulti a carico fiscale di altri. ...

ISEE nucleo familiare di due estranei legati da vincoli affettivi - Convivenza di fatto
Io e il mio fidanzato conviviamo in un appartamento intestato a mia madre, io sono residente nell'appartamento, mentre il mio fidanzato è ancora residente a casa sua, insieme a suo fratello. Vorrebbe prendere anche lui residenza nell'appartamento dove viviamo e costituire un unico nucleo familiare, legato da vincoli affettivi. Questo cosa comporta? Vorrei avere info su tutti i possibili risvolti economici, per valutare la convenienza proprio in termini di "soldoni". Il nostro ISEE diventerebbe più elevato? Pagheremmo di più di bollette, spazzatura e utenze varie? Lui lavora come dipendente e io come libera professionista. Chiedo perché so che è una ...

Determinazione nucleo familiare ai fini Isee » Mia sorella ha la mia stessa residenza da circa tre mesi: devo includerla nel mio nucleo familiare, anche se è coniugata con marito residente altrove?
Segue risposta a mio quesito con lo stesso titolo di oggi: forse mi sono espressa male, ma mia sorella "è" residente presso il mio indirizzo da circa tre mesi, ha spostato la sua residenza a casa mia da qualche mese. Vorrei sapere se rientra nel mio nucleo familiare ai fini Isee anche se percepisce un proprio reddito autonomo ed è coniugata. ...

Dove mi trovo?