Contratto di locazione a seguito del decesso del locatore

Sono titolare di contratto di locazione uso abitativo: i legittimi locatori sono deceduti, l’ultimo poco più di una settimana, e il contratto ha scadenza ottobre 2021. I legittimi eredi, due figli, riconoscono il contratto ed hanno aperto a un c/c cointestato a loro favore cui far versare il canone in attesa che il notaio definisca la successione.

E’ stata da loro avanzata ipotesi di redigere un nuovo contratto in sostituzione di quello vigente. La richiesta è stata da me respinta poiché, ritengo che non essendo ancora stata definita la successione, quindi di chi diverrà la proprietà dell’immobile, non è fattibile redigere un nuovo contratto (anche se dovesse essere vantaggioso per il sottoscritto) in quanto quello in essere ha validità legale (registrato sull’Agenzia Entrate).

Chiedo se sia lecito chiedere un nuovo contratto, versare il canone a entrambi gli eredi (non conoscendo il testamento ovvero la successione) e se qualora emergesse che l’appartamento venga attribuito a terzi (es. un nipote) i canoni versati equivalgono sempre o siano richiesti nuovamente. Allo stato attuale, come da visura catastale, l’immobile risulta catastalmente ancora intestato ai locatori deceduti.

Le conviene non formalizzarsi troppo sugli esiti della successione per quanto riguarda il versamento del canone di locazione che, in punta di diritto, andrebbe versato in un conto corrente intestato alla comunione ereditaria in attesa che la divisione ereditaria venga effettuata.

Infatti, ll conduttore che, alla morte del locatore, continui in buona fede a versare i canoni nelle mani dell’erede legittimo e legittimario è liberato dalla propria obbligazione, senza che rilevi né che esista controversia tra i coeredi sull’attribuzione dell’eredità (Corte di cassazione, ordinanza 8581/2012).

Una volta che la successione sarà definita, potrà stipulare un nuovo contratto con i coeredi.

9 Gennaio 2021 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risoluzione del contratto di locazione per inadempienza del conduttore - Il locatore ha diritto anche al risarcimento dei danni
Il danno da mancata riscossione dei canoni futuri per il locatore è compatibile con la richiesta di risoluzione del contratto ed è conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento del conduttore che ha dato luogo alla risoluzione. Infatti, il codice civile (articolo 1453) stabilisce che la parte possa chiedere, a sua scelta, o l'adempimento o la risoluzione per inadempimento, salvo in ogni caso il suo diritto a richiedere anche il risarcimento del danno. Pertanto, la parte adempiente, che chiede la risoluzione del contratto per inadempimento della controparte, ha diritto al risarcimento dei danni, e fra i danni risarcibili, vi è ricompreso anche ...

Nullità del contratto di locazione in forma verbale - Il conduttore che vuole eccepirlo deve dimostrare l'abuso del locatore altrimenti rischia lo sfratto
In passato, la scelta del legislatore di applicazione dell'equo canone (meccanismo di determinazione legale del canone di locazione calcolato sulla base di una serie di parametri oggettivi, ha prodotto risultati estremamente negativi, causando gravi distorsioni del mercato delle abitazioni. I proprietari, salvo far ricorso alla sistematica prassi dei c.d. affitti in nero, preferirono togliere dal mercato i propri appartamenti, ritenendo oltremodo antieconomico concederli in locazione ad un canone spesso irrisorio, assai lontano dal vero valore di mercato e con alti rischi di perdita della relativa disponibilità per lungo tempo. Il fenomeno del ritiro del mercato delle locazioni di un considerevole ...

Al locatore l'onere di registrare il contratto di affitto entro 30 giorni dalla stipula
È nulla ogni pattuizione volta a determinare un importo del canone di locazione superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato. È fatto carico al locatore di provvedere alla registrazione nel termine perentorio di trenta giorni, dandone documentata comunicazione, nei successivi sessanta giorni, al conduttore ed all'amministratore del condominio, anche ai fini dell'ottemperanza agli obblighi di tenuta dell'anagrafe condominiale. Nei casi di nullità del contratto per pattuizione contraria alla legge, con azione proponibile nel termine di sei mesi dalla riconsegna dell'immobile locato, il conduttore può chiedere la restituzione delle somme corrisposte in misura superiore al canone risultante dal contratto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contratto di locazione a seguito del decesso del locatore