Comproprietà immobiliare ipotecata e pignorata da Agenzia delle Entrate Riscossione – Successione e rinuncia all’eredità


Due fratelli, di cui uno deceduto, hanno una casa ed un terreno industriale in comproprietà indivisa: la metà parte del fratello deceduto è pignorata ed ipotecata dall’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Tale sua metà parte pignorata verrà probabilmente messa all’asta. Quando ci sarà tale asta la sorella potrà fare una offerta? La sorella ha diritto di prelazione?

Poiché sono state omesse informazioni essenziali, presupporremo che i chiamati all’eredità del fratello premorto siano due, un fratello ed una sorelle e cioè che il fratello deceduto non abbia coniuge e figli.

In tale ipotesi il 50% della casa e del terreno industriale del fratello deceduto andrebbero ripartiti fra il fratello e la sorella superstiti.

In caso di accettazione dell’eredità, il fratello e la sorella superstiti del de cuius diventerebbero debitori dell’Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) e ammesso che nessuno dei due eredi avesse residenza nell’unica casa di proprietà (e che il debito esattoriale risulti superiore a 120 mila euro), quest’ultima potrebbe essere espropriata. Il debitore, ex articolo 571 del codice di procedura civile, non può partecipare all’asta per l’assegnazione della quota di compartecipazione pignorata dell’immobile.

Qualora, invece, il fratello e la sorella superstiti del de cuius rinunciassero all’eredità, l’immobile passerebbe allo Stato e la sorella potrebbe partecipare all’asta se, e quando, lo Stato decidesse di vendere la quota di compartecipazione di cui è proprietario.

26 Dicembre 2021 · Piero Ciottoli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comproprietà immobiliare ipotecata e pignorata da Agenzia delle Entrate Riscossione – Successione e rinuncia all’eredità