Come evitare un pignoramento di mobili in una casa di famiglia non del debitore

Io ho dei debiti con una banca e con lo Stato in seguito ad un fallimento della vecchia azienda di cui ero titolare: ora con mia moglie dobbiamo richiedere la residenza a casa dei miei genitori che hanno due appartamenti uno vuoto e l’altro in cui vivono loro.

La domanda è in quale dei due è migliore e più semplice evitare un pignoramento dei mobili e come fare per evitarlo?

Nel pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore vige la presunzione legale di proprietà: si presume, cioè, che tutti i beni presenti nell’appartamento in cui il debitore vive siano di sua proprietà.

Un modo per limitare i danni che possono derivare da un pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore è quello di stipulare, con il proprietario dell’immobile, un contratto di comodato (registrato all’Agenzia delle entrate) che riguardi arredi, elettrodomestici e tutte le utilità in uso. Un po’, se vogliamo, come accade quando si affitta un appartamento ammobiliato.

Il problema, tuttavia, nasce dalla circostanza che la giurisprudenza recente vieterebbe all’Ufficiale Giudiziario la possibilità di prendere visione del contratto e decidere sulla sua validità, rinunciando al pignoramento. Secondo i giudici di legittimità l’Ufficiale Giudiziario deve comunque procedere: spetta poi al terzo effettivo proprietario dei beni pignorati rivolgersi al giudice dell’esecuzione (con il supporto di un avvocato), mostrare il contratto di comodato e, se le carte sono in ordine, chiedere ed ottenere la liberazione dei beni pignorati.

Per le motivazioni appena elencate la soluzione ideale sarebbe quella di occupare l’appartamento vuoto, nonché stipulare con il suocero e registrare all’ADE il contratto di comodato per immobile, arredi, elettrodomestici ed altre utilità.

Sperando poi, che, in occasione di un eventuale pignoramento presso la residenza del debitore, l’Ufficiale Giudiziario non sia troppo zelante e rediga, comunque, a fronte dell’esibizione del contratto di comodato, una relazione di pignoramento infruttuoso, senza costringere i suoceri a dover ricorrere al Tribunale per liberare i beni pignorati.

10 Febbraio 2016 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Comodato d'uso dei mobili nella casa in affitto per evitare pignoramento presso la residenza del debitore
A causa della perdita di lavoro ho contratto un debito con una finanziaria di 10 mila euro: ora ho venduto casa che avevo e mi sono trasferito in altra città in previsione di iniziare ad anno nuovo un nuovo lavoro. Siccome con la finanziaria sono indietro da un anno con le rate è già a casa vecchia mi tempestavano di chiamate, volevo sapere adesso che sono in affitto intestato a me posso fare un comodato d'uso dei beni in casa a nome della nonna di mia moglie che vive con noi? ( visto che i mobili in parte sono suoi ...

Comodato d'uso mobili per evitare pignoramento presso residenza o domicilio del debitore
Ho diversi debiti verso Equitalia e finanziarie, ho appena cambiato casa lasciando la residenza per il momento nella casa precedente. Nella casa dove risiedo attualmente con i miei due figli è in affitto ed il contratto è intestato a me, tutti i mobili me li ha dati/comprati mia mamma, come posso metterli al riparo da un probabile pignoramento? Meglio una scrittura con l'elenco depositata all'Agenzia delle entrate o meglio chiedere una perizia asseverata da un consulente tecnico dell'ufficio del tribunale? ...

Possibile pignoramento presso la residenza del debitore - Come evitare lo stress ai genitori con cui il debitore convive?
Anni fa fui seguito da un avvocato d'ufficio per un procedimento penale: tutto si è concluso, questo avvocato non si è mai più fatto sentire, non mi ha mai mandato comunicazione del suo compenso, tanto che mi ero pure dimenticato della cosa, fino a che nei giorni scorsi mi è stato notificato un decreto ingiuntivo, che ho fatto leggere ad un avvocato e mi ha detto che ho 10 giorni per pagare. Ora, constatato che non ho soldi per pagare, sono disoccupato da molti anni e soprattutto che vanta un credito nei miei riguardi non vuole in nessun modo accordarsi, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Come evitare un pignoramento di mobili in una casa di famiglia non del debitore