Collazione e domanda di divisione


Il giudice dovrà calcolare l’eredità relitta, comprensiva delle donazioni effettuate in vita dal defunto, e quindi la parte disponibile al de cuius





Devo costituirmi in giudizio avverso una domanda di azione di riduzione da parte di mio fratello: devo chiedere che lui metta in collazione delle donazioni, devo per forza chiedere anche la domanda di divisione dell’asse?

Quando la controparte A, in corso di giudizio, chiederà la riduzione delle donazioni effettuate in vita dal de cuius a favore dell’erede B, quest’ultimo documenterà, se ne è in condizione, le donazioni effettuate in vita dal de cuius a favore dell’erede A, determinando così la collazione.

Il giudice dovrà calcolare l’eredità relitta (comprensiva delle donazioni effettuate in vita dal defunto) e quindi la parte disponibile al de cuius, verificando che a nessuno degli eredi sia stato assegnati, in sede di divisione ereditaria, più della quota di legittima aumentata della quota disponibile al de cuius. In caso contrario procederà alla riduzione delle donazioni cominciando da quelle più recenti.

Più che altro ha bisogno di un avvocato che l’assista.

16 Marzo 2022 · Lilla De Angelis


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Collazione e domanda di divisione. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.