Apertura di un nuovo conto corrente e chiusura del conto corrente pignorato – E’ lecito?

Avendo un conto pignorato da Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) e volendo aprirne un altro dove far accreditare il mio stipendio peraltro già pignorato sempre da AdER, al fine di evitare problematiche di doppio pignoramento incidenti sulle stesse somme: sarà possibile, e dopo quanto tempo, chiudere il primo?

Nessuna normativa vieta al debitore a cui è stato pignorato il conto corrente di aprirne uno nuovo sul quale far confluire lo stipendio percepito o riattivare gli addebiti periodici (pagamento utenze, rate di rimborso prestiti) le cui disposizioni sono vanificate dal blocco operativo imposto dal terzo pignorato (la banca).

La chiusura del vecchio conto corrente potrà essere richiesta non appena il giudice adito dal creditore procederà all’assegnazione del saldo ed il terzo pignorato (la banca) libererà il conto corrente dal blocco operativo apposto, consentendone la chiusura.

L’apertura di un nuovo conto corrente da parte del debitore esecutato, contempera le esigenze del debitore – consentendogli, nelle more delle lungaggini processuali che dovranno condurre al decreto di assegnazione del saldo, di poter continuare ad operare con un conto corrente – e del creditore che potrà, volendo, pignorare anche il nuovo conto corrente del debitore.

20 Giugno 2022 · Simonetta Folliero



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Apertura di un nuovo conto corrente e chiusura del conto corrente pignorato – E’ lecito?